Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Un fronte unico Regione- Comuni del Sud. La proposta di Ferrone (LeU)

Per l'assessore comunale di Bella "solo il rinnovato e unitario impegno può garantire l’attenzione dovuta alle comunità locali del Mezzogiorno"

Più informazioni su

Insieme all’iniziativa dei Governatori del Sud che, da Napoli, hanno lanciato il Patto per il Lavoro, quella dei sindaci ed amministratori dei Comuni del Marmo-Platano, impegnati a Roma nell’incontro presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, è un bell’esempio di come il sistema delle autonomie locali può far pesare i problemi del Mezzogiorno, specie delle aree più interne e svantaggiate, che non trovano spazio nelle dichiarazioni programmatiche del nuovo Governo. Non sarà certamente un Ministero del Sud a riequilibrare politiche nordiste a trazione Lega e a colmare dimenticanze ed equivoci.

E’ il commento di Carmine Ferrone, dirigente LeU per il Marmo-Platano e assessore comunale a Bella che aggiunge: solo il rinnovato e unitario impegno di Regioni e Comuni del Sud può garantire l’attenzione dovuta alle comunità locali del Mezzogiorno. Per questo dopo gli incontri di Napoli e di Roma – dice Ferrone – sarebbe scuramente più utile e proficuo un fronte unico Regioni-Comuni del Sud e su questo tema sono certo che l’Anci Basilicata di intesa con la Presidenza Nazionale Anci svolgerà un ruolo importante a partire dal replicare l’iniziativa dei Governatori con un’assemblea di sindaci del Sud. Prendiamo per buona la sollecitazione che viene dal Governatore della Sicilia Musumeci, mettendolo alla prova: “Il Nord fa lobby, il Mezzogiorno deve fare squadra”. Ovviamente – continua il dirigente di LeU – la squadra per vincere il campionato ha bisogno di una strategia di gioco chiara ed efficace, proprio come la fase di concertazione avviata a Roma dai sette Comuni del Marmo Platano in tema di infrastrutture, istruzione, salute, turismo, inclusione sociale, competitività ed efficientamento energetico. Se la Basilicata secondo i dati Istat perde 9 residenti al giorno, un numero decisamente più alto per i comuni delle aree interne, oltre alla mancanza di lavoro, e per questo è ancora più positivo il Patto dei Governatori, le motivazioni vanno ricercate nelle condizioni di vita delle popolazioni con i più piccoli paesi alle prese con la tenace difesa della scuola, del poliambulatorio o dell’ufficio postale e per garantire servizi minimi di assistenza agli anziani.

Tra le priorità – continua Ferrone – c’è senza dubbio la viabilità: la situazione della Sp 83 ne è il caso più emblematico. Quanto al piano di assunzioni nella P.A. che la nostra Regione sta perseguendo con il progetto Ripam è evidente che i Comuni hanno bisogno di personale, come chiedono da tempo, e nello specifico di profili specializzati da ricercare tra i nostri giovani laureati. Motivo in più per approfondire nel merito del Ripam il confronto Comuni-Giunta Pittella.

Più informazioni su