Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Lega e Italia Madre Basilicata al M5S: “Non siete voi gli unici rappresentanti onesti dei lucani”

Sileo e Cappiello: "Puntiamo allo sviluppo della Basilicata"

Il senatore pentastellato, Saverio De Bonis, come è nello stile del Movimento, si presta a dichiarazioni infelici pur di conquistare una pagina in primo piano, che diversamente non avrebbe potuto guadagnare poiché si sa, lo stile politico dei 5 stelle prevede molti slogan e pochi, ad oggi è più corretto dire nessuno, punti programmatici.

Il senatore, che alla confusione politica dovrebbe essere abituato, vanta la scelta del candidato presidente e dei candidati consiglieri avvenuta “tra i migliori attivisti iscritti che hanno superato le primarie on line interne…” alle quali, ricordiamo, hanno partecipato 1357 iscritti, premiando con qualche clic Antonio Mattia.

Per De Bonis nel centro destra lucano regna una “rissosa confusione” perché ci si rifiuta di adoperare metodi poco trasparenti che premiano persone a suon di clic anziché tenere conto di un percorso personale e politico.

Non permettiamo ai componenti del Movimento Cinque Stelle di arrogarsi il diritto di ergersi come gli unici rappresentanti onesti del popolo lucano, segno questo dell’ennesimo delirio di onnipotenza di chi vive negli slogan tanto da crederli la realtà.

Piuttosto che perdersi in polemiche ad uso e consumo dei giornali e a decantare un’onestà che dovrebbe essere un prerequisito, nella vita come nella politica, Italia Madre e Lega puntano allo sviluppo della Basilicata, partendo dalle politiche di sostegno alle imprese, agli investimenti interni ed esterni e all’occupazione.

I cittadini hanno esigenza di un cambiamento che sia reale e non solo professato, per questo c’è bisogno di responsabilità, di competenza, di professionalità e di credibilità che non si conquista alimentando le querelle sui giornali.

Dina Sileo, coordinatore regionale Italia Madre Basilicata

Antonio Cappiello, segretario Lega Basilicata