Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Sant’Angelo Le Fratte, chiesa chiusa da sette anni, avviata raccolta firme per riapertura

Promossa dal comitato "Riapriamo il Tempio"

Domenica 26 agosto, in occasione della raccolta firme organizzata dal comitato spontaneo “Riapriamo il tempio” che si è svolta in mattinata a Sant’Angelo le Fratte, Potenza, più di 400 santangiolesi hanno dato il proprio contributo firmando e dando un chiaro segnale alle istituzioni: la comunità locale è unita in questa causa comune che è la riapertura della chiesa madre del paese.

Nei prossimi giorni la raccolta firme proseguirà anche nelle contrade non ancora raggiunte cosicché si possa coinvolgere il maggior numero di concittadini e, in attesa delle decisioni che saranno assunte al tavolo al quale parteciperanno committenti e impresa esecutrice dei lavori, il comitato continuerà ad organizzarsi invitando le parti a conferire in una assemblea pubblica, orientativamente entro metà settembre, rispetto al futuro che spetta alla Chiesa Madre, affinché si possano avere risposte definitive in merito ai tempi e alle modalità con cui saranno ultimati i lavori.
È gratificante notare come, durante la raccolta delle firme, il banchetto organizzato dal comitato sia stato anche il luogo giusto per dare risposte alle persone che avevano tante domande ed entusiasmo ai compaesani inizialmente scoraggiati.

Mentre la comunità locale conferma il disagio derivante dalla attuale condizione della Chiesa Madre, il comitato “Riapriamo il tempio” procede nella sua opera di strutturazione interna graze ai molteplici collaboratori volontari fra i quali Nicola Losasso, Michele Monaco e Carmen Mastroberti che, soprattutto in questi ultimi giorni, si sono aggregati mettendo talvolta a disposizione anche le proprie competenze professionali al fne di operare al meglio in futuro.

Intanto il  comitato monitora scrupolosamente le evoluzioni della situazione, prestando particolare attenzione a quanto emergerà dall’immimente incontro fra impresa, Comune e Curia.

L’entusiasmo e la partecipazione riscontrati durante la giornata di domenica sono un ottimo segnale per il comitato che, forte di questi due fondamentali elementi, ribadirà sempre più vigorosamente la necessità della comunità santangiolese di riavere la propria Chiesa Madre al più presto.

Giuseppe Mario Grippo, Mario Migliaccio comitato Riapriamo il Tempi