Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Al via i lavori su Sp 48 del “Basso Melfese”

Strada strategica per il collegamento con l’area industriale di San Nicola di Melfi

Consegnati oggi i lavori di adeguamento e messa in sicurezza della S.P. n. 48 “del Basso Melfese”, un’arteria strategica per il collegamento con l’area industriale di San Nicola di Melfi e per i flussi di traffico, di autovetture e mezzi pesanti, diretti allo stabilimento Fca. Le opere partiranno giovedì prossimo, 20 settembre. Il costo complessivo previsto ammonta a 350mila euro.

Abbiamo voluto dare una risposta concreta alle sollecitazioni dei lavoratori e di quanti percorrono frequentemente la strada in questione per realizzare un adeguamento funzionale e la messa in sicurezza dei tratti più sconnessi”, ha affermato il Presidente della Provincia di Potenza, Nicola Valluzzi, nel dare notizia dell’avvio dei lavori.

La S.P. n. 48 “del Basso Melfese”, realizzata negli anni ’50 a servizio delle aree agricole del Lavellese – spiega Valluzzi – si sviluppa per una lunghezza di 24,500 Km con inizio sulla S.P ex S.S. 93 e termine sulla SP ex SS 303 del Formicoso in agro di Melfi. La strada ha subito nel tempo numerosi interventi di ampliamento e di miglioramento”.

Con l’insediamento dello stabilimento Sata della Fiat (oggi Fca) nei pressi di questa arteria – aggiunge il presidente della Provincia di Potenza – la S.P. n. 48 ha assunto la funzione di asse funzionale per il trasporto delle forniture per lo stabilimento automobilistico di Melfi e dei prodotti finiti (le autovetture) dalla fabbrica per le destinazioni finali. L’enorme incremento del traffico pesante costituito da autotreni e autoarticolati ha portato in breve tempo alla comparsa di deformazioni e rotture della pavimentazione stradale particolarmente rilevanti nei tratti in cui la fondazione stradale, di vecchia costruzione risulta più debole”. 

Alla luce di ciò – conclude Valluzzi – si è reso necessario provvedere al rifacimento strutturale delle fondazioni stradali nei tratti che risultano più sconnessi e ad avviare interventi di ripristino del manto stradale per tratti continui. L’obiettivo della Provincia è quello di superare le maggiori criticità su questa arteria attraverso un adeguamento funzionale per la sua messa in sicurezza”.