Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Matera, un presidio dei Vigili del Fuoco nei Sassi. Cisl e Uil: “Nostro appello inascoltato “

"Speravamo che il nuovo corso della politica definita del “cambiamento” potesse sortire maggior attenzione"

Ai dubbi e alle criticità che abbiamo avanzato con la nostra nota/comunicato del 23 agosto scorso nessuno dei destinatari della medesima ha ritenuto dover dare una risposta concreta nel merito. Speravamo che il nuovo corso della politica definita del “cambiamento” potesse sortire maggior attenzione e interessamento delle autorità istituzionali, vecchie e nuove, alle preoccupazioni della cittadinanza, in questo caso ad oggi così non è stato.

Abbiamo registrato soltanto uno stizzito comunicato stampa del Presidente della Provincia, dott. De Giacomo, che con toni aspri, assolutamente fuorvianti e fuori luogo, ci ha accusato di avere una posizione “… strumentale …” e con “ … incomprensibili finalità .. di natura politica …”.

Noi facciamo sindacato non politica, la strumentalizzazione politica non ci appartiene. Osserviamo comunque che il Presidente De Giacomo, ha soltanto voluto sottrarsi dalla condivisione nelle decisioni riferite all’insediamento del presidio dei VV.F. nei locali dell’Amministrazione provinciale. Nulla dice nel merito sulle criticità da noi sollevate.

Consideriamo importante e fondamentale insediare un presidio dei Vigili del Fuoco in zona “Sassi”, a maggior garanzia e sicurezza dei residenti e dei turisti in visita, in numero sempre maggiore, lo abbiamo detto chiaramente con la nota/comunicato del 23 agosto scorso.

Chiediamo: quanto da noi denunciato è corretto oppure no? Se la nostra valutazione è sbagliata perché, con dati alla mano, non veniamo smentiti? Se al contrario riflettendo, sono insorte perplessità perché non chiarire se il presidio sarà sempre e comunque allocato nel cortile della Provincia con uscita in via Duni, e con quale utilità reale, con quale livello di sicurezza e celerità saranno effettuati gli interventi? Oppure, come noi abbiamo proposto, è corretto, utile ed opportuno prevedere un presidio “agile e snello” da allocarsi in zona piazza San Pietro Barisano nei “Sassi”?

Aggiungiamo qualche altro elemento utile affinché si faccia una giusta valutazione. Dopo la nostra nota/comunicato del 23 agosto scorso, siamo venuti a conoscenza che già nell’anno 2015, proprio in ragione del grande evento “Matera 2019 – Capitale Europea della Cultura”, il Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Matera ha proposto e sviluppato un progetto denominato “Matera sicura 2019”, affidato ad un gruppo, interno allo stesso Comando, di specialisti del soccorso tecnico urgente e della prevenzione. La relazione finale del progetto documenta in dettaglio, adeguatamente e con competenza, la peculiarità dell’area “Sassi” sotto l’aspetto della sicurezza, del soccorso e della prevenzione. Si suggeriscono e si propongono le azioni da porre in essere per affrontare le diverse situazioni di rischio che potrebbero presentarsi. Sommessamente rileviamo che il documento riporta le valutazioni che concordano con le nostre osservazioni.

Ci sfuggono e comunque sarebbero quanto meno incomprensibili, le motivazioni per cui il Comandante dei Vigili del Fuoco, ing. Francesco Salvatore, (appena avvicendato nell’incarico dal nuovo Comandante ing. Salvatore Tafaro) non abbia tenuto conto di questo lavoro, che alleghiamo per completezza di informazione a beneficio di tutti. Abbiamo notizia che soltanto dopo la nostra denuncia è stato disposto un sopralluogo informale presso i locali della sede provinciale, ed anche per verificare l’esistenza di idranti funzionanti e adeguatamente distribuiti nei “Sassi”.

Sconcertante! Soltanto adesso si procede ad effettuare le verifiche di fattibilità? Dopo che, come da delibera ad hoc, si è già deciso di posizionare il presidio nei locali della Provincia? Il Capo Dipartimento e il Capo del Corpo dei Vigili del Fuoco sono informati della metodologia adottata dal Comando VV.F. di Matera finalizzato all’insediamento di questo presidio?

Informalmente, ci è stato riferito che il Comune di Matera, in adesione al disposto della legge n.59/1997, che attribuisce agli Enti Locali, negli ambiti di competenza, compiti di predisposizione dei piani di emergenza in previsione di possibili eventi calamitosi, già da tempo ha individuato una sede idonea in prossimità di piazza San Pietro Barisano nei “Sassi”, adatta ad ospitare un presidio dei VV.F. Allora perché non si procede ad attivarlo, magari facendo ricorso ad apposita convenzione?

Ovviamente le preoccupazioni sul presidio dei VV.F. nei “Sassi” non sono assorbenti. Abbiamo sollevato altre ed impellenti criticità che necessitano una risposta celere. Il distaccamento di Policoro necessita di un potenziamento di uomini, mezzi e strutture, come anche i recenti episodi verificatisi nel territorio di Scanzano Jonico testimoniano, (il manufatto che ospita il distaccamento necessita di urgente interventi di manutenzione, al riguardo anche dopo le nostre numerose sollecitazioni, sappiamo che sono stati accreditati i fondi necessari, adesso bisogna procedere con celerità ad avviare i lavori).

Risolvere la grave assenza di un distaccamento dei VV.F. che possa rispondere con immediatezza alle necessità delle popolazioni che risiedono nella collina materana, oggi totalmente sguarnita, esposte a possibili conseguenze negative dovute agli inevitabili ritardi nei tempi di intervento dovuti all’attuale dislocazione dei distaccamenti presenti nella Provincia. Indispensabile programmare, compatibilmente con le urgenti necessità di altre realtà territoriali più complicate, l’incremento di uomini e mezzi da destinare al Comando Provinciale VV.F. di Matera, anche perché “Matera 2019 …” e già realtà.

Non facciamo polemiche, sollecitiamo attenzione e facciamo proposte puntuali e documentate. Invitiamo le  il Ministro, il Sottosegretario, i Parlamentari, il Sindaco di Matera ed i rappresentati istituzionali Locali a pronunciarsi. Il silenzio non può essere accettato, è doveroso dare alla collettività risposte tempestive, puntuali ed adeguate. Abbiate a cuore le legittime attese, le ansie, le preoccupazioni dei concittadini.

Attendiamo sempre con fiducia e rinnoviamo la diponibilità, in qualunque momento ed in qualunque luogo, ad incontrare chiunque possa e voglia interessarsi e confrontarsi.

Bruno Di Cuia, segretario regionale confederale Uil Basilicata

Enrico Gambardella, segretario regionale Cisl Basilicata

Francesco Paolo Porcari, segretario Uil Pa Vigili del Fuoco Matera

Rocco Scaragnella segretario Cisl Fns Vigili del Fuoco Matera