Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

A tre lucani il Premio “Livatino-Saetta”, denunciano da tempo l’eolico selvaggio foto

Giuseppe Fidanza, Giovanni Bovino e Mario Bagnulo hanno ritirato il riconoscimento intitolato ai due giudici uccisi dalla mafia

Tre lucani insigniti del Premio internazionale all’impegno sociale 2018 nell’ambito del 29esimo Memorial “Rosario Livatino Antonino -Saetta Gaetano Costa” , intitolato appunto ai due giudici uccisi dalla mafia.

“Esempio di legalità e giustizia in difesa e per amore del proprio territorio”. Questa la motivazione con cui è stato consegnato il riconoscimento a Giuseppe Fidanza, agricoltore di Oppido Lucano, Giovanni Bovino e Mario Bagnulo (entrambi di Balvano) da tempo impegnati a denunciare lo scempio causato dall’eolico selvaggio.

Fidanza, lo scorso marzo fu vittima di una brutale aggressione proprio da parte di operai di un cantiere eolico che volevano impedire a due giornalisti di Basilicata24 di realizzare un servizio giornalistico sulla proliferazione eolica a Tolve. Bagnulo e Bovino hanno dato vita al comitato “Balvano Libera” con il quale stanno portando avanti una battaglia di legalità e giustizia contro il proliferare di pale eoliche che circondano le loro abitazioni nel comune lucano in provincia di Potenza. 

La consegna dei riconoscimenti da parte del giornalista Cosimo Forina è avvenuta questa mattina a Spinazzola nell’Istituto Comprensivo “Giuseppe Mazzini” nel corso di una cerimonia pubblica a cui ha presenziato anche il governatore della Puglia, Michele Emiliano.