Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Ruoti, “Consiglio comunale come il Gattopardo”

Il gruppo RUoti in Movimento: "Amareggiati per ennesimo teatrino"

Più informazioni su

Dopo le vicende successe in questi ultimi giorni tra il sindaco di Ruoti e l’ex sindaco nonchè ex vice sindaco che hanno portato l’attuale primo cittadino a destituire il suo vice sindaco dalla sua carica per una presunta aggressione sessista nei confronti della segretaria comunale che da come descritto sui giornali andava avanti da cinque mesi, con immediata risposta dell’ormai ex vice sindaco che dichiara di esser stata solo una lite pacata, insinuando di essere lui la vittima in questo caso, noi del Movimento cinque stelle del gruppo Ruoti in Movimento, dopo aver discusso con tanti cittadini di Ruoti, siamo profondamente amareggiati ed incazzati, perché a questo ennesimo teatrino che ancora una volta ci porta ad essere derisi da tutta la regione e non solo, le vere vittime di tutto ciò sono ancora una volta i cittadini.

Ricordiamo che il comune di Ruoti a causa di chi ci ha amministrato in questi anni ha occupato parecchie volte pagine di giornali anche a livello nazionale per cause di mala politica e guerre personali e vista anche l’amicizia di anni tra il sindaco e il suo mentore che lei stessa ammette di avere e che la portata ad accettare di diventare sindaco pur non conoscendo Ruoti, lo troviamo assurdo dire ora di non conoscere il suo vice. Per noi sarebbe stato più giusto non accettare mai quella poltrona cosi tanto pesante.

Comunque tutto noi non sappiamo come sono andate veramente le cose in quella stanza comunale, ma se fosse veritiera la versione del sindaco, senza nessun inganno politico, ci teniamo comunque a congratularci con lei per la sua pesante decisione, ma tutto ciò deve portare ad un seguito, altrimenti potremmo solo constatare quello che stiamo vedendo in questo anno e mezzo di amministrazione, che cambiando l’ordine degli addendi il risultato non cambia.

Ricordiamo che in un anno e mezzo di amministrazione, da quando lei ha avuto l’onore di conoscere Ruoti per la prima volta, non e’ ancora cambiato niente di una virgola, sia esteticamente che politicamente, a parte qualche convegno che ha portato qualche cittadino in più, per il resto il nulla. Anzi una cosa c’è stata…l’aumento della Tari.

Noi vogliamo un paese al passo con gli altri, un paese che vada sui giornali non per le solite guerre personali a cui siamo già stufi ed abituati, ma per cose valide e vere che ci potranno far tornare ad avere una buona reputazione, come ad esempio un paese che adotti la mensa free nelle scuole, (al pari di altri paesi che fanno veramente il bene del cittadino), un paese che cominci ad adottare il plastic free per la lotta alla plastica, istallando distributori di acqua pubblica riducendo il consumo di plastica e di conseguenza abbassare la TARI, un paese che sfrutti grandi risorse che abbiamo come il Bosco e l’agricoltura in modo da avere turismo, e ci sono tante altre cose che davvero facendo poco potremmo avere.

Ma purtroppo stiamo notando soltanto che quella politica gattopardiana del tutto cambia affinché nulla cambi caratterizza tutto l’intero consiglio comunale, dal primo all’ultimo. Il prossimo consiglio comunale e anche le imminenti elezioni regionali daranno tante risposte a dubbi e perplessità e potremmo davvero capire chi sta davvero dalla parte delle vere vittime che sono i cittadini, altrimenti e’ l’occasione giusta per rimettere il mandato nelle mani del popolo sovrano ormai stanco ed esausto delle solite chiacchiere.

Rocco Scavone, Ruoti in Movimento

Più informazioni su