Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Social network e cyberbullismo, parte da Matera la sesta edizione di “Una vita da social” foto

"Un tour itinerante di 47 tappe sul territorio nazionale"

Riparte da Matera, capitale europea della cultura, la sesta edizione di “Una Vita da Social”, la campagna educativa itinerante realizzata dalla Polizia Postale e delle Comunicazioni in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e del Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza, nell’ambito delle iniziative di sensibilizzazione e prevenzione dei rischi e pericoli della Rete per i minori.

L’iniziativa è stata presentata questa mattina alla stampa in Piazza Vittorio Veneto dal Questore di Matera Luigi Liguori direttamente sul truck attrezzato come un’aula didattica multimediale, gremito di studenti di scuola secondaria di primo grado invitati per l’occasione dalla Polizia Postale e delle Comunicazioni presente con funzionari del Servizio di Roma e del Compartimento della Basilicata e della Sezione di Matera.

Sono intervenuti anche il prefetto di Matera Antonella Bellomo, il sindaco Raffaello De Ruggieri, il dirigente dell’Ufficio Scolastico Provinciale Rosaria Cancelliere, nonché il presidente della Fondazione Matera-Basilicata 2019 Salvatore Adduce.

Il Direttore Centrale delle Specialità della Polizia di Stato Prefetto Roberto Sgalla non ha potuto raggiungere Matera da Roma a causa delle avverse condizioni meteo.

Il Questore di Matera e le altre Autorità hanno salutato e rivolto ai ragazzi un breve discorso, invitandoli ad approfittare dell’iniziativa della Polizia di Stato per imparare a cogliere le tante opportunità che offre la Rete e nello stesso tempo sapersi difendere dai pericoli che la stessa a volte nasconde.

Dopo la presentazione, gli studenti sono rimasti sul truck e hanno partecipato all’incontro formativo tenuto dagli operatori della Polizia Postale. Durante l’incontro tutti gli studenti hanno indossato un cappellino con il “brand” della Polizia di Stato regalatogli per l’occasione.

Le attività didattiche e informative sul truck proseguiranno nel pomeriggio odierno e fino a domani alle 14.

Gli operatori della Polizia Postale resteranno a disposizione per incontrare studenti, genitori e insegnanti sui temi della sicurezza online con un linguaggio semplice ma chiaro adatto a tutte le fasce di età, i quali potranno richiedere e ottenere materiale informativo. La novità di quest’anno è il diario di bordo “https://www.facebook.com /unavitadasocial”, su cui gli studenti potranno lanciare il loro messaggio positivo contro il cyberbullismo.

A Matera l’iniziativa proseguirà sabato 26 gennaio all’Auditorium “Roberto Gervasio” di Piazza del Sedile, dove il noto giornalista radiotelevisivo Luca Pagliari presenterà ai ragazzi delle scuole medie superiori il docufilm “Cuoriconnessi”, realizzato in collaborazione con la Polizia di Stato, pensato per contrastare il bullismo in rete.

Sul truck si sposterà prima a San Remo per poi per toccare nei prossimi giorni e fino a maggio le principali città italiane, per un totale di 47 tappe.

“La scelta di Matera, Capitale europea della cultura per 2019, quale prima tappa del truck della Polizia di Stato nell’ambito della 6^ edizione della campagna educativa itinerante “Una vita da social” dichiara Luigi Liguori Questore della Provincia di Matera, assume un particolare valore simbolico per la stretta connessione tra comunicazione digitale e cultura. La crescita culturale delle nuove generazioni, a cui è rivolta principalmente l’iniziativa della Polizia di Stato – continua Liguori, passa infatti anche e soprattutto da un uso appropriato dei social media, dietro i quali talvolta si celano anche trappole e minacce che approfittano dell’ignoranza e dell’ingenuità di chi viaggia online.

I social media – conclude il Questore- sono un prezioso strumento di comunicazione per tutti, ma dobbiamo insegnare ai nostri ragazzi a conoscerli bene e a farne un uso intelligente e consapevole, utilizzando tutte le loro potenzialità, sia nello svago che nell’apprendimento. La Questura di Matera, Capitale europea della cultura è lieta di ospitare l’avvio di questa importante campagna nazionale della Polizia di Stato”.