Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Fondi per famiglie con persone disabili, “La beffa della Regione Basilicata”

Usb denuncia: "Dopo l'annuncio dello stanziamento di oltre tre milioni di euro, alle famiglie che si rivolgono ai Comuni è stato risposto che i fondi sono bloccati"

Il 16 ottobre 2018 l’Assessore al Dipartimento Politiche alla Persona annunciava lo stanziamento di 3 milioni e 600 mila euro a favore di nuclei familiari con persone disabili, peraltro senza citare il provvedimento adottato. A seguito di tale comunicazione, tutti i soggetti interessati si adoperavano per essere informati sulle modalità di accesso a tali finanziamenti, a seguito delle aspettative create, che in seguito, si sono rivelate fasulle.

A spiegare come sarebbero andate le cose sono il coordinatore di Usb Basilicata, Francesco Castelgrade e la Rsu del medesimo sindacato, Paolo Baffari.

Dopo accurate ricerche -spiegano i due esponenti sindacali- si è finalmente giunti in possesso della Deliberazione di Giunta n. 1100 del 30 ottobre 2018, che approvava la “DGR 1037/2018. Direttiva regionale per la concessione di contributi ai nuclei familiari delle persone con disabilità gravissime (art. 3 del D.M. 26 settembre 2016 ed art. 2 del D.M. 7 settembre 2017. Correzione errori materiali”. Pareva, quindi, che tutto fosse risolto: ma non è così.

A distanza di cinque mesi la vicenda è ancora irrisolta, in quanto pare che nessun comune, capofila dei rispettivi Ambiti Territoriali, abbia emanato alcun avviso pubblico per la presentazione delle domande e delle procedure al fine della concessione dei contributi agli aventi diritto.

Ai numerosi cittadini che si rivolgono ai Comuni, viene comunicato genericamente che gli stanziamenti sono bloccati per motivi burocratici: non c’è alcuna risposta esaustiva su quali siano le reali motivazioni, e tale situazione rischia di apparire come un pasticcio pre-elettorale.

Riteniamo inaccettabile- aggiungono Castelgrande e Baffari- che vengano create illusioni e false aspettative, in particolare verso persone già svantaggiate e fragili, non solo sotto l’aspetto psico-fisico, ma anche riguardo quello economico. In tal senso è del tutto superfluo ricordare gli svantaggi e le difficoltà che incontrano le persone con disabilità e le rispettive famiglie.

Usb, dunque, chiede di accelerare l’iter attuativo dei provvedimenti approvati, attraverso un immediato coinvolgimento di tutti gli enti e le strutture interessate all’attuazione della misura prevista. Non possiamo accettare -concludono- che si speculi sulle persone, a maggior ragione se si tratta di categorie fragili e svantaggiate.