Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Il Requiem di Mozart al Mysterium Festival di Matera

Nella chiesa di Sant’Agostino, domenica 31 marzo

Una dedica a un capolavoro dell’arte sacra attraverso la musica. Arriva il secondo appuntamento con il Mysterium Festival: il Requiem di Mozart incanterà la Chiesa di Sant’Agostino a Matera domenica 31 marzo alle ore 19.30.

Un’occasione imperdibile per ascoltare la musica sacra in un concerto con ingresso libero. “La Messa da Requiem in re minore K626” di W. Mozart è la sua ultima composizione. Rimasta incompiuta per la morte dell’autore, il 5 dicembre 1791, fu completata successivamente dall’amico e allievo Franz Xaver Süssmayr. Il Requiem sarà interpretato per l’occasione dal soprano Giorgia Teodoro, il mezzosoprano Marta Pluda, il tenore Manuel Amati, il basso Rocco Cavalluzzi, il direttore Maestro Alvise Casellati, il maestro del coro Andrea Crastolla, L.A. Chorus e l’Orchestra della Magna Grecia. 

L’opera di Mozart è legata alla morte del suo autore, avvenuta il giorno successivo alla stesura delle prime battute delle parti vocali del Lacrimosa. Stendhal racconta che un anonimo committente (che si presentò alla sua porta nel cuore della notte con una maschera, un mantello scuro e una sacca con danari) incaricò Mozart, malato e caduto in miseria, di comporre in quattro settimane una messa da requiem. Mozart tentò di scoprire chi fosse il misterioso committente ma le forze cominciarono a mancargli e si convinse che si trattasse di un emissario dell’aldilà per fargli scrivere la messa da Requiem per se stesso. Allo scadere delle quattro settimane l’uomo si presentò per ritirare la composizione che Mozart non aveva ancora completato. Gli offrì altri cinquanta ducati e altre quattro settimane di tempo: inutili, poiché Mozart morì lasciando l’opera incompiuta.