Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Bill De Blasio candidato alla presidenza degli Stati Uniti scrive ai suoi concittadini di Grassano

La mail dell'attuale sindaco di New York all'ex sindaco della cittadina di cui è originario

Ricevo oggi, direttamente dalla mail personale del sindaco di new York Bill de Blasio, l’annuncio della sua candidatura alla presidenza degli Stati Uniti: “Today I am proud to announce my candidacy for President of the United States of America”. Non posso, ovviamente, non esternargli il mio personale entusiasmo e quello della intera comunità grassanese per la discesa in campo per una delle più importanti competizioni politiche per gli equilibri mondiali e il futuro del nostro pianeta. In verità era una notizia già trapelata “sottovoce” da parte del suo team alcune settimane orsono e comunicatami da parte di comuni amici residenti nella “Grande Mela”.

E la memoria non può non rievocare quella giornata memorabile del 24 luglio 2014, allorchè dopo essere stato eletto sindaco di New York e averlo invitato a visitare la terra natale della nonna materna Anna Briganti, in una piazza gremita di gente, di inviati e di televisioni, ebbi il piacere di salutarlo e di conferirgli la cittadinanza onoraria.

E’ bello essere a casa”, questo il motto di esordio in un ottimo italiano urlato dal ”concittadino” Bill de blasio in quella occasione dal palco in piazza A. Ilvento: grande sensibilità umana e soprattutto sincero orgoglio per le sue ripetute asserite radici grassanesi e lucane; e nella stessa circostanza, quasi a mò di premonizione, nel salutarlo come sindaco di Grassano , gli augurai di rivederlo nella stessa piazza come presidente degli Stati Uniti.

Un’impresa ardua e costellata da notevoli difficoltà per l’”emigrante” grassanese Bill de Blasio: ma non posso non rammentare nel novembre del 2013, partito quasi sconosciuto ai più per la competizione elettorale a sindaco di New York, finì eletto con oltre il 70% dei consensi.

Ho il piacere di mantenere un personale rapporto epistolare con il sindaco di New York e, come nel 2013, gli manderò un simbolico e scaramantico contributo per la sua elezione a Presidente degli Stati Uniti.

Francesco Sanseverino già sindaco di Grassano dal 2012 al 2017