Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Agricoltori di Tursi scesi in strada a manifestare “fiaccati da anni di crisi” foto

Pronte le proposte da portare al tavolo con Regione e Ministero

Si è svolta oggi la tanto attesa manifestazione degli Agricoltori Uniti del Metapontino partita da Montalbano con destinazione Scanzano. Nessuna bandiera, ma solo tanti agricoltori ad esternare le problematiche del settore e a proporre soluzioni ad istituzioni poco celeri nel dare risposte. Gli agricoltori tursitani hanno partecipato con numerosi mezzi e, come già avvenuto nei giorni precedenti, si sono distinti per la loro tenacia e professionalità. Una colorata e rumorosa delegazione ha dato vigore agli animi troppo spesso demotivati di un popolo, quello agricolo, fiaccato da anni di crisi.

Le proposte che gli agricoltori di Tursi porteranno sul tavolo della Regione Basilicata e del Ministero dell’Agricoltura sono: fissazione di un prezzo massimo alla vendita dei prodotti ortofrutticoli sui banconi della grande distribuzione organizzata (GDO); fissazione di un prezzo minimo all’acquisto dei prodotti ortofrutticoli da parte delle industrie agroalimentari.

La GDO e le industrie sono gli unici operatori di mercato su cui il Governo può intervenire immediatamente e poter controllare che effettivamente si realizzino i provvedimenti.

Queste proposte portano a numerose conseguenze positive senza che ci siano costi per le casse pubbliche: la riduzione dei prezzi massimi di vendita nei supermercati comporta un aumento considerevole dei consumi di prodotto riducendo quindi l’intasamento dei mercati; parimenti, la GDO, per aumentare il proprio profitto, dovrà ridurre i passaggi intermedi presenti nella filiera e quindi punterà ad un rapporto diretto con gli agricoltori, che saranno incentivanti a cooperare, e quindi la GDO si vedrà costretta a rifornirsi da produttori locali a danno dei produttori esteri; un prezzo minimo all’industria è la soluzione per togliere prodotto grandinato o di scarto dal mercato senza privare le industrie del loro profitto.

Vorrei personalmente ringraziare l’ingegnere Leonardo Fortunato per aver messo a disposizione la propria azienda agricola a Gannano, storica e rinomata nel tessuto sociale locale, come destinazione del corteo anche se poi la Questura non ha autorizzato il tracciato per arrivarvi. Vorrei ringraziare tutti gli agricoltori tursitani che hanno partecipato con i trattori, autocarri e autovetture. A voi si dovranno dedicare tutti i risultati che andremo a realizzare con questa lotta di rivendicazione.

Dispiace sottolineare il comportamento gravemente scorretto di alcune sigle sindacali che invece di favorire la partecipazione degli agricoltori, hanno inveito contro di loro impedendone il coinvolgimento nella speranza di far fallire la nostra libera manifestazione e sedere da sole al tavolo con il ministero e l’assessore e spartire qualche beneficio di parte, come hanno sempre fatto con i ministri e gli assessori precedenti, anche di colore politico diverso. Si sa, per certi sindacati la coerenza è demodé.

 

Antonio Di Matteo, Agricoltore e delegato tursitano