Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Pippi Dimonte porta la Basilicata al Montreux Jazz Festival

Il musicista e compositore lucano si esibirà il 5 luglio con il Trio Mezcal

Dopo il World Music Asia Festival di Shanghai dell’autunno scorso un nuovo importante impegno internazionale attende il contrabbassista lucano Pippi Dimonte: partecipare al Montreux Jazz Festival, un palcoscenico unico al mondo nel suo genere che offre la possibilità ad ogni artista di mettere in mostra il proprio talento musicale.

Infatti il 5 Luglio alle 21 è previsto il concerto del suo Trio Mezcal, con Alessandro De Lorenzi alla chitarra ed Emiliano Alessandrini alle percussioni, presso “La Coupole House of Jazz” nell’ambito del più prestigioso Festival musicale europeo che si svolge in Svizzera.

Il Montreux Jazz Festival 2019, giunto quest’anno alla sua 53esima edizione, si tiene  nell’omonima cittadina svizzera sulle sponde del Lago di Ginevra ed è considerato uno dei più importanti appuntamenti musicali al mondo.  Nei sedici giorni che vanno dal 28 Giugno al 13 luglio è in programma un fitto calendario di concerti e vi parteciperanno artisti quali Sting, Elton John, Chick Corea, Janet Jackson, Bobby McFerrin, Joan Baez e tanti altri big del panorama musicale internazionale e fra questi, nella sezione Talent Awards,  i nostri ragazzi del Trio Mezcal. 

Il Festival nato nel 1967, inizialmente solo come espressione della musica jazz, nel corso degli anni ha allargato l’orizzonte a tutti i generi musicali vedendo la partecipazione di tutto il gotha della musica mondiale come Miles Davis, Frank Zappa, Bob Dylan, Deep Purple, Santana, Keith Jarret, Bill Evans, Ella Fitzgerald, Jaco Pastorius, David Bowie, Lucio Dalla, Pino Daniele, Zucchero ecc. 

Il Trio Mezcal è una formazione che ricerca le proprie sonorità nel Mediterranean Jazz, la corrente musicale che coniuga l’eleganza del jazz con la profondità della musica arabofona e mediterranea, la forza delle percussioni di radice africana con l’imponenza delle chitarre elettriche del mondo occidentale contemporaneo. Evidenti sono anche i riferimenti alla musica classica e al jazz di matrice nord europea. Ha pubblicato un album dal titolo omonimo ed è presente su YouTube con diversi video. Ora vediamo da vicino i musicisti del Trio in queste brevi note biografiche.

Giuseppe “Pippi” Dimonte è un contrabbassista e compositore originario di Bernalda che da giovanissimo studia musica classica al Conservatorio di Matera per poi trasferirsi a quello di Bologna per continuare in ambito Jazz. Ha suonato in club e teatri di città italiane ed europee e recentemente anche in Cina. Ha pubblicato tre album con brani tutti di sua composizione: Morning  Session (2014), Hieronymus (2016), Trio Mezcal (2018). Il critico musicale americano Dave Sumner lo ha menzionato fra i contrabbassisti non statunitensi più interessanti della scena jazzistica internazionale per la pubblicazione del cd Hieronymus.

Alessando De Lorenzi, ravennate, è l’anello mancante fra il chitarrista metal e il chitarrista jazz. Diplomato in chitarra jazz al Conservatorio di Bologna ha fatto parte di diverse formazioni suonando in varie città della penisola ed anche all’estero.

Emiliano Alessandrini, percussionista bolognese con laurea in astrofisica, suona in diverse formazioni ed è  spesso in giro per concerti in Italia e all’estero.