Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Briganti e migranti, in scena la narrazione storica

A Rionero nuova edizione della rassegna organizzata dalla Pro Loco

Dopo i temi della vergogna, della miseria, del fato e della coscienza, la nuova edizione di “Briganti e Migranti” sposterà la riflessione sul sopruso, vale a dire sul ruolo – non privo di punti oscuri – giocato dall’esercito regio per contrastare il fenomeno del brigantaggio.

Punto di partenza di questa discussione storica sarà proprio la promulgazione della legge “Pica” fino ad arrivare alle celebri memorie del “Generalissimo” dei briganti, scritte nel Bagno penale di Santo Stefano, testimonianze intense di chi ha vissuto in prima persona quella tragedia.

La narrazione storica, fortemente drammatizzata, andrà in scena il 26 e il 27 ottobre 2019 nel Rione Costa, con ben 13 scene recitate dal vivo da attori e figuranti locali. Per la prima volta verrà rappresentata la scena della morte di Ninco Nanco, senz’altro forte e cruda ma necessaria per comprendere la violenza messa in atto dall’esercito regio.

Ad anticipare l’evento, il 25 ottobre nell’ex Carcere borbonico, ora adibito a Museo del Brigantaggio, una serata tra musica, degustazioni e cinema, “Aspettando Briganti o Migranti”.

Ma le novità non finiscono qui-annunciano gli organizzatori- Si sta infatti ipotizzando un connubio tra la manifestazione e la celebrazione dell’Aglianico del Vulture, ribadendo un concetto chiave dove la storia locale e l’enogastronomia sono realtà indissolubili.

Tutte le novità e il programma completo verranno svelati nei prossimi giorni.

L’intera manifestazione è organizzata dalla Pro Loco Rionero, in collaborazione con l’amministrazione comunale, e rappresenta uno degli eventi di punta che contraddistingue l’associazione nonché l’impegno e la passione di tutti i suoi volontari.