Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Città delle 100 Scale. Il 20 e 21 settembre appuntamento con i Berlin

Il gruppo acclamato in Europa propone, in una location insolita, l’opera “Perhaps all the Dragons ”

Venerdì 20 e sabato 21 settembre con spettacoli alle 19:00 e alle 21:00 appuntamento con Perhaps all the dragons dei Berlin, in una location particolare, nello spazio Metaltecno in c.da S. Loja nella zona industriale di Tito Scalo.

«Mozzafiato! Ed eccitante, perché ognuno dei personaggi racconta una storia vera. Una raccolta di storie collettive. Questo lavoro è una discesa nel cuore dell’umanità.» È il commento de Le Figaro sulla performance che indaga, raccoglie e propone trenta storie diverse.

Una famosa pianista si rende conto sul palco di aver studiato il concerto sbagliato, un neurochirurgo scambia testa e corpo di due esemplari di scimmie, esse sopravvivono, in Giappone ci sono 700.000 persone che vivono come hikikomori, chiusi nelle loro stanze da letto per almeno un anno, completamente avulsi dalla vita sociale.

Sono alcune delle storie, trasformate in altrettanti monologhi video con una costruzione drammaturgica che crea coerenza fra loro. Diverse interazioni avverranno in vari momenti.

I registi Bart Baele e Yves Degryse hanno incontrato persone, fatti, aneddoti, avventure, intrighi e pensieri interessanti. I temi emersi da queste storie sono eclettici: da ipotesi filosofiche, al dettaglio scientifico fino agli aneddoti: un compendio sull’umanità.

Armati di videocamera, di tecniche di intervista, di tavole di montaggio e di attori, Berlin ritrae la realtà come faceva un pittore: con un po’ più di colore, dei punti di vista vivaci e un colpo di pennello che tradisce un accento critico (Knack focus). Il punto di partenza di ogni performance dei Berlin è situato in una città o in qualche posto nel pianeta. Il collettivo si caratterizza per l’approccio documentaristico e interdisciplinare.

Focalizzandosi su una ricerca specifica, i Berlin incrociano differenti media seconda del tenore del progetto. Bart Baele e Yves Degryse hanno fondato Berlin nel 2003 con Caroline Rochlitz. Insieme hanno il ciclo Holocene (l’olocene è l’era geologica attuale) con gli spettacoli Jerusalem, Iqaluit, Moscow e Zvizdal. Pochi anni dopo, i Berlin danno vita ad un nuovo ciclo, Horror vacui, di cui Tagfish, Land’s End, Perhaps All The Dragons, Remember The Dragons, Remember The Dragons e True Copy sono i primi cinque episodi. I Berlin sono un’associazione artistica internazionale e stanno attualmente lavorando a nuovi spettacoli per i due cicli.

Per assistere alla performance è obbligatoria la prenotazione con una mail a: contatti@cittacentoscale.it.