Quantcast

Matera, l’omaggio a Pasolini con le immagini di Roberto Villa foto

L'esposizione, nella Sax Art Gallery, è curata da Vittorio Sgarbi e Salvo Nugnes

Matera, capitale della cultura 2019, si arricchisce di una nuova iniziativa dedicata a Pier Paolo Pasolini. con la mostra antologica, a lui dedicata, inaugurata domenica 22 settembre, alla Sax Art Gallery e curata da Vittorio Sgarbi e del presidente di “Spoleto Arte” Salvo Nugnes.

Nei Sassi in via Fiorentini 233/243 l’esposizione ‒ il cui fiore all’occhiello è costituito dalle immagini di Roberto Villa, famoso fotografo amico del grande intellettuale protagonista della kermesse e del Premio Nobel Dario Fo ‒ ha ricevuto fin da subito una calorosa accoglienza da parte di critica e pubblico.

L’interesse-spiegano gli organizzatori in una nota- non poteva che crescere con la presentazione della rassegna da parte del curatore di mostre e grandi eventi Salvo Nugnes e da Roberto Villa, i cui scatti sul set del film Il fiore delle mille e una notte sono un importante documento che testimonia tanto il lavoro del regista quanto l’ambiente in cui ha operato, in particolare lo Yemen, dove sono state realizzate le riprese.

A contribuire all’ottima riuscita anche la curatrice d’arte di Montecarlo Maria Lorena Franchi, l’assessore alle opere pubbliche Nicola Trombetta, il tenore di fama internazionale Francesco Zingariello e Caterina Grifoni, vicepresidente di Fidapa (Federazione Italiana Donne Arte Professioni e Affari).

Ed è proprio l’assessore Trombetta a ricordare il legame ddella Città dei Sassi con Pasolini. «Matera deve a Pasolini tanto e credo che Pasolini debba a Matera altrettanto, avendovi ritrovato quel “sole ferocemente antico” che poi ha caratterizzato il suo film Il Vangelo secondo Matteo. Sono due entità che si sono incontrate in un momento importante per la vita sia del regista che dei cittadini di Matera. Oggi, nell’anno della capitale europea della cultura, Pasolini non può mancare di segnare la sua presenza, la sua grande forza, identità e ideologia».

Fino al 6 ottobre la mostra resterà aperta ai visitatori tutti i giorni dalle ore 10:30 alle 13:00 e dalle 16 alle 21.