Quantcast

Ranitidina, Federfarma Potenza: “Informarsi solo da fonti autorevoli”

Il presidente Caiazza, dopo il ritiro cautelativo a causa di impurezze ritrovate in alcuni lotti, invita i cittadini a fare attenzione alle fake news

Più informazioni su

A seguito delle ultime comunicazioni sul ritiro dei farmaci a base del principio attivo Ranitidina e, soprattutto, in virtù di alcune imprecisioni diffuse sui social media, corre l’obbligo di fare chiarezza sull’argomento per meglio tutelare e garantire la salute dei cittadini.

A seguito del ritrovamento in alcuni lotti di specialità contenenti ranitidina, prodotta dalla officina farmaceutica Saraca Laboratoires ltd. in India, di alcune impurezze di N-nitrosododimetilammina, una sostanza appartenente alla classe delle nitrosammine, l’AIFA – Agenzia Italiana del Farmaco, ha provveduto al ritiro immediato dal commercio dei lotti incriminati e a sospendere cautelativamente tutti i medicinali a base di ranitidina.

Le nitrosammine sono sostanze potenzialmente cancerogene e la loro produzione è dovuta alla presenza di nitrato, convertibile in nitrito, e all’uso di nitrito utilizzato maggiormente come conservante alimentare, fondamentale per impedire lo sviluppo di microrganismi nei cibi come il batterio del botulino: i nitriti in ambienti acidi (quali il nostro stomaco) o ad alte temperature trovano le condizioni ottimali per reagire con un’ammina secondaria e produrre nitrosammine.

La sospensione cautelativa adottata è stata un’ottima scelta da parte degli organi regolatori sia italiani che europei per la salvaguardia della salute dei cittadini.ma ciò non deve portare all’ansia e alla preoccupazione sia nei soggetti in cura con ranitidina sia in quelli che pensano alla possibilità che tutti i farmaci possano essere contaminati.

In riferimento all’ultimo alert, quello lanciato dall’EMA (Agenzia Europea dei Medicinali), con la richiesta di ricontrollare tutti i medicinali per verificare l’assenza di nitrosammina in altri farmaci in commercio va nella giusta direzione di utilizzare tutti i nuovi metodi di analisi per la ricerca di sostanze non adeguate.

Quando sui farmaci sorgono dubbi è necessario informarsi correttamente solo da fonti autorevoli e certe (AIFA , Ministero della Salute, Asp) e dai professionisti della salute e del farmaco ( Medici e Farmacisti) e non certo tramite gruppi social (Facebook, Instagram WhatsAPP etc…) o per passaparola tra amici. Le fake-news imperanti sul web, quando si parla di salute, creano danni notevoli a cui appare difficile porre rimedio.

La diffusione incontrollata attraverso i social media di elenchi (poco attendibili, spesso falsi, redatti in maniera superficiale e approssimativa e, soprattutto, privi di preventivi riscontri) relativi a presunti medicinali ritirati dal commercio crea ansie, paure e dannose interruzioni di terapie.

Le farmacie e i Farmacisti sono allertati in tempo reale per qualsiasi problema inerente i medicinali e sono in grado di dare consulenze professionali precise, specifiche, puntuali e in ridottissimi lassi di tempo.

Franco Caiazza presidente Federfarma Potenza 

Più informazioni su