Basilicata24 - Il quotidiano online di inchieste, approfondimenti e notizie di politica, cronaca, economia, cultura, ambiente, sport - Il quotidiano online della Basilicata dedicato a notizie di politica, cronaca, economia, cultura, sport

Vertenza Galdo, avviati licenziamenti di 16 dipendenti

Fisascat Cisl e Comune di Lauria sollecitano la Prefettura di Potenza a convocare un tavolo di crisi

Si aggrava la situazione dei lavoratori delle aree di servizio di Galdo sul tratto lucano della Salerno-Reggio Calabria, a rischio licenziamento e con circa due anni di mensilità arretrate. La Dima, impresa che gestisce l’area di servizio Galdo Ovest, ha comunicato ufficialmente nei giorni scorsi l’apertura della procedura di licenziamento collettivo per i 16 addetti.

L’azienda giustifica i licenziamenti con l’insostenibilità dei costi a fronte di una riduzione del fatturato di circa l’80 per cento a causa dell’isolamento delle vecchie aree di servizio rispetto al nuovo tracciato della A2. Circostanza, sottolinea l’azienda, che comporta alla clientela una deviazione di circa 5 km con aggravi di spese e di tempo.

La Fisascat Cisl, insieme al Comune di Lauria, si è già attivata per sollecitare la Prefettura di Potenza a convocare un tavolo di crisi con tutti i soggetti interessati: Regione Basilicata, Esso Italia, Sarni, gli attuali gestori delle stazioni e l’Anas.

“L’eventuale chiusura delle aree di servizio, anche in considerazione del fatto che le nuove stazioni saranno pronte non prima dell’estate – spiegano Emanuela Sardone della Fisascat e il sindaco di Lauria, Angelo Lamboglia – implicherebbe anche notevoli problemi dal punto di vista della sicurezza pubblica in quanto le due stazioni sono state individuate quale presidio di protezione civile in caso di calamità. Ragion per cui va assicurata la piena continuità del servizio e dell’occupazione.

Per questo – concludono Sardone e Lamboglia – chiediamo precise garanzie al futuro gestore Sarni affinché siano mantenuti gli attuali livelli occupazionali e salariali nelle due aree di servizio”.