Aula consiliare intitolata a fascista nel Potentino. Arriva la sospensione dal Prefetto

L'Anpi della Basilicata aveva chiesto la revoca della delibera del Comune di Barile e del decreto del presidente della Regione

L’Anpi Basilicata prende atto della sospensione della procedura di intitolazione della sala consiliare del Comune di Barile, Potenza, ad Andrea D’Andrea che ricoprì la carica di caposquadra della Milizia volontaria per la sicurezza nazionale con le funzioni di istruttore militare e comandante della Gioventù italiana del littorio.

La sospensione- fa sapere il presidente dell’Associaizone Nazionale Partigiani Basilicata, Michele Petraroia- è stata decisa dal Prefetto di Potenza con il conseguente annullamento della cerimonia pubblica programmata anche col Patrocinio della Regione Basilicata per il 21 dicembre prossimo.

Anpi Basilicata aveva diffidato il Comune affinchè revocasse la Delibera di Giunta Comunale n.101 del 12 novembre scorso e il Decreto del Presidente della Giunta Regionale D.P.G.R. n.279 del 21 novembre. La questione sollevata -spiega Petraroia- non attiene solo ad una verifica di carattere procedurale riservata alla Prefettura ai sensi degli art. 1 e 4 della legge n. 1188 del 23 giugno 1927, bensì ad una valutazione di carattere più generale che attengono alle scelte proprie sia dell’Amministrazione Comunale che dell’Amministrazione regionale.