Rifiuti radioattivi, nell’impianto Itrec di Rotondella rimosso monolite

Le operazioni si sono concluse oggi alla presenza, tra gli altri dell'assessore regionale all'Ambiente: "Ora si passa all'ultima fase che consentirà di procedere alla bonifica"

Si sono conluse oggi a Rotondella, in provincia di Matera, le operazioni di rimozione del monolite in cemento armato contenente rifiuti radioattivi nell’impianto Itrec della Sogin. In mattinata l’estrazione definitiva della struttura verticale del peso di 130 tonnellate di massa e volume di 54 metri cubi.

L’estrazione è avvenuta in una fossa di 6,5 metri di profondità, unico caso nel mondo. Dopo questa fase, che si conclude a 12 anni dalla progettazione, dovrebbe partire la bonifica del sito. All’interno del monolite erano contenuti fusti con rifiuti a media radioattività inglobati in malta cementizia, derivanti dall’esercizio dell’impianto. 

Realizzato alla fine degli anni ’60, il monolite è una struttura verticale di forma prismatica con una massa di circa 130 tonnellate e un volume di 54 metri cubi. Si trova a 6,5 metri di profondità dal piano campagna e al suo interno, suddivisi in quattro pozzi a sezione quadrata, vi sono fusti con rifiuti a media radioattività, inglobati in malta cementizia, derivanti dall’esercizio dell’impianto. Depositate nella piscina del sito le 64 barre di uranio ad alta attività radioattiva. 

I quattto pozzi rimossi, invece, sono stati trasferiti in massima sicurezza in un deposito del sito per il loro stoccaggio temporaneo e per poi essere ritrattati in una fase successiva.

L’attività che ha portato alla fase finale di oggi è durata 12 anni dalla progettazione alla messa in opera. Il sollevamento e l’estrazione dei singoli pozzi è l’ultima fase dei lavori che consentiranno di procedere alla bonifica e al rilascio dell’area della Fossa 7.1. 

L’assessore regionale all’Ambiente, Gianni Rosa, che ha partecipato all’iniziativa organizzata da Sogin per celebrare la conclusione dei lavori di estrazione del monolite ha ha sottolineato: Abbiamo vissuto un momento importante: la conclusione delle operazioni di rimozione del monolite della Fossa 7.1 nell’impianto Itrec di Rotondella”.

Dopo le operazioni odierne – ha detto ancora l’esponente dell’esecutivo – sarà possibile passare all’ultima fase dei lavori, che consentiranno di procedere alla bonifica e al rilascio dell’area della Fossa 7.1. Siamo certamente soddisfatti – ha aggiunto Rosa – che si sia giunti, dopo anni di attesa e di pazienza da parte dei lucani, in primis dei cittadini residenti nelle vicinanze dell’impianto, ad un’avanzata fase nelle operazioni di messa in sicurezza, nella speranza che si arrivi quanto prima alla riconsegna dell’intera area.

Vogliamo dare ai cittadini – ha concluso Rosa – un messaggio di tranquillità: continueremo a prestare la massima attenzione alle tematiche ambientali e alla salvaguardia della salute dei lucani”.