Federico II, il libro di Delle Donne presentato a Castel Lagopesole

L'11 gennaio nella sala Pasolini del Castello l'iniziativa promossa dall'Unla

L’Unione Nazionale per la Lotta contro l’Analfabetismo (Unla) di Lagopesole apre le attività per l’anno 2020 con la presentazione dell’ultimo volume del professore Fulvio Delle Donne, “La porta del sapere: cultura alla corte di Federico II di Svevia” edito da Carocci (2019). Il volume del docente di Letteratura medievale e umanistica dell’Unibas, sarà presentato sabato 11 gennaio alle 17.30 nella Sala cinema Pier Paolo Pasolini del Castello.

“Federico II di Svevia (1194-1250)-scrive Delle Donne– fu l’ultimo a dare un senso universale al titolo di imperatore. Per circa un trentennio fu il signore più potente d’Europa, rivelando in ogni gesto piena consapevolezza del proprio ruolo: consapevolezza che acquisì in maniera graduale e sempre più netta mentre divampava il fuoco del violentissimo scontro con il papato. È qui la radice primigenia che lo portò a farsi fautore di uno straordinario rinnovamento ideologico, del quale furono artefici i letterati e i funzionari che lo circondarono. La sua corte divenne così polo attrattivo di tradizioni culturali multiformi e centro propulsore di innovazioni letterarie e scientifiche destinate a esercitare decisiva influenza per i secoli a venire”

Nel libro si indagano compiutamente i caratteri e l’elaborazione di una dirompente concezione culturale. Per la prima volta nella storia, la conoscenza derivata dallo studio approfondito fu rappresentata come una scalinata che conduce al sapere, unica porta di accesso alla nobiltà: sia quella spirituale delle virtù sia quella più concreta delle professioni funzionali all’amministrazione dello Stato. 

Ne discuteranno con l’autore, il professor Francesco  Panarelli, direttore del DiSU- Dipartimento di Scienze Umane – dell’Università della Basilicata e il professor Giampaolo D’Andrea, Consigliere per gli affari istituzionali e le relazioni sindacali del Ministro per i beni e le attività culturali e per il turismo.