Attacco informatico alla Regione Basilicata

L'ente fa sapere di aver addottato tutte le misure al fine di ridurre al minimo la relativa vulnerabilità agli attacchi"

L’attacco informatico di Anonymous alle piattaforme web della Regione Basilicata si è concretizzato in un accesso non autorizzato su applicazioni in parte già dismesse e in parte in corso di dismissione e sostituzione nell’ambito di un piano di verifica dell’integrità e sicurezza delle applicazioni che la Regione stessa sta portando avanti. E’ quanto fa sapere l’Ente in una nota. 

I siti web della Regione- aggiunge il comunicato stampa- sono oggetto quotidiano di attacchi informatici da parte di hackers che vengono contrastati con la collaborazione del Centro Tecnico Regionale (CTR) con il CERT-PA, la struttura che opera all’interno di AgID e ha il compito di supportare le amministrazioni nella prevenzione e nella risposta agli incidenti di sicurezza informatica.

L’ufficio Amministrazione Digitale ha intrapreso da tempo, attraverso strumenti di software intelligence, l’analisi sistematica di tutti gli applicativi al fine di ridurre al minimo la relativa vulnerabilità agli attacchi informatici.

Gli utenti e gli amministratori dei vari sistemi oggetto degli attacchi sono stati contattatati al fine di adottare le relative azioni di sicurezza.

Come da prassi -conclude la nota- la Regione sta provvedendo ad inoltrale la segnalazione agli enti competenti ai sensi del Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati.