Quantcast

Narcotraffico e mafia tra Potenza e Matera. Ecco i nomi degli arrestati

Operazione della Direzione distrettuale antimafia del Capoluogo lucano

Narcotraffico, sequestro di persona, estorsione, detenzione e spacio di droga aggravati dal metodo mafioso. Sono, alcuni dei reati, contestati nell’ambito di un’operazione della Direzione distrettuale antimafia di Potenza che ha disposto gli arresti di 16 persone, quasi tutte lucane, nell’ambito di un’operazione dei carabinieri del Comando provinciale di Matera. 

Carabinieri Policoro

L’organizzazione ha agito-secondo quanto emerso dalle indagini- sul territorio potentino e materano nell’arco temporale compreso tra la fine del 2017 e il febbraio del 2020.

Le indagini condotte dai carabinieri, con il prezioso contributo dei militari di Pisticci, hanno fatto emergere l’esistenza del gruppo criminale, costituito da numerosi sodali di cui molti armati, e supportato da una fitta rete di fiancheggiatori, che controllava diverse piazze di spaccio degli stupefacenti su diversi comuni della provincia di Potenz e di Matera su cui imponeva il monopolio dello spaccio con metodo mafioso, anche contrapponedosi con l’uso della forza militare ad eventuali ingerenze di altri gruppi criminali.

L’associazione criminale -spiegano gli inquirenti- era caratterizzata dalla capacità di tenere relazioni con altri gruppi criminali operanti fuori dalla Basilicata, attraverso i quali potevano fruire di strutture logistiche e di supporto, oltre che del rifornimento di droga.

Fra i numerosi reati emersi, spesso caratterizzati da inusitata violenza, sono emersi un sequestro di persona a scopo di estorsione e il reato di tortura commessi da alcuni degli indagati, per ottenere il pagamento di una partita di stupefacenti.

I fermi sono stati eseguiti dai carabinieri in diversi comuni italiani tra cui Castelfranco Veneto, San Giorgio di Mantova, Campegine (Reggio Emilia), Corsico (Milano) Stigliano, Aliano, Ferrandina, Stigliano, Accettura  (Matera), Sant’Arcangelo e Corleto Perticara (Potenza)

I nomi degli indagati sottoposti a fermo. 

1. CALVELLO Angelo Rocco, nato a Stigliano (MT) il 16.08.1984, ivi residente (capo organizzatore);
2. PASCARELLI Donato, nato a Marsicovetere (PZ) il 29.01.1990 (capo organizzatore);
3. LARDINO Domenico, nato a Stigliano (MT) il 17.10.1993;
4. LASAPONARA Rocco Leonardo, nato a Stigliano (MT) il 07.12.1997;
5. PALMIOTTO Antonello, nato a Stigliano (MT) il 26.04.1986;
6. SCAZZARRIELLO Annamaria, nata a Stigliano (MT) il 25.09.1995;
7. LIUZZI Stefania, nata a Stigliano (MT) il 24.08.1993;
8. IANNICELLA Antonio, nato a Stigliano (MD il 28.07.1997;
9. D’ACUNTO Gaetana, nata a Stigliano (MT) il 09.12.1980;
10. SERRA Filippo, nato a Policoro (MT) il 1102.1979;
11. RIGIRE’I’O Domenico, nato a Stigliano (MT) il 23.05.1998;
12. SALERNO Gennaro, nato a Stigliano (MT) il 05.08.1995;
13. CARBONE Kevin, nato a Stigliano (MT) il 08.03.1996;
14. HARRATI Iliass, nato a Casablanca (Marocco) il 12.01.1991;
15. LO PRIORE Giuliano, nato ad Avellino il 14.02.1986;
16. VINCIGUERRA Luciano, nato a Pisticci il 05.06.1991.