Agricoltura, Usb: raccolta stagionale a rischio per emergenza coronavirus

"Nessuno si è preoccupato della salvaguardia di tutti questi uomini e donne che ormai sono diventati invisibili"

La grave e seria emergenza in atto in questo momento mette in luce il disastro fatto dalle leggi Salvini in materia di braccianti in particolare riferite ai migranti.

Nelle ultime ore si fa sempre più insistente il grido di allarme delle prossime raccolte stagionali, ma nessuno si è preoccupato della salvaguardia di tutti questi uomini e donne che ormai sono diventati “invisibili”. Nessuno si è posto il problema delle difficoltà dei rinnovi dei permessi e della relativa occupazione.

Usb a partire dal livello nazionale ha da sempre chiesto l’abolizione di quelle leggi orrende e contro chi è costretto a lasciare la propria terra a causa dei cambiamenti climatici e della deforestazione per ragioni di profitto e urbanistica.

Usb ha inviato su tutto il territorio nazionale la lettera seguente al fine di far emergere (come affermato anche dalla Ministro dell’Interno) la situazione degli ultimi e degli invisibili.

Misure urgenti di prevenzione Covid 19(1)(3)

Francesco Castelgrande, coordinatore Usb Basilicata