Ecco come sono costretti a viaggiare i lavoratori Fca di Melfi ai tempi del coronavirus

La foto testimonianza dell'Usb: Sugli autobus nessuna distanza di sicurezza

Ecco come viaggiano i lavoratori della Fca di Melfi alle ore 20.30 del 10 marzo 2020. L’Unione sindacale di base di stabilimento, che già in mattinata aveva chiesto alle autorità competenti di prendere provvedimenti per i lavoratori dell’area industriale di Melfi in ordine alle misure di contenimento dei contagi da coronavirus, con una foto scattata pochi minuti fa, testimonia la difficoltà per i lavoratori di mantenere le distanze utili a contenere la diffusione del virus.

Autobus lavoratori Fca Melfi

Costretti a scendere in fabbrica-ribadisce l’Usba- per non rischiare un provvedimento disciplinare per assenza ingiustificata. Per i lavoratori della Fca di Melfi non esistono misure di sicurezza nel periodo coronavirus.

Oggi abbiamo scritto al prefetto di Potenza-conclude il sindacato- affinché intervenga per mettere in sicurezza uno dei siti produttivi più grandi d’Italia. Può diventare una vera e propria polveriera se non fermato immediatamente”.