Quantcast

I Fondi europei destinati al Meridione andranno al Nord

Movimento 24 Agosto - Equità Territoriale: "Si chiede al Sud di dare quello che ancora non ha avuto, e chissà se mai lo avrà"

“Quello che temevamo è successo: al Sud, per l’emergenza sanitaria, si chiede ancora una volta una prova di solidarietà sulla ripartizione dei Fondi UE, dirottando a Nord (secondo anticipazioni del Sole24ore) circa dieci miliardi delle risorse destinate a impedire il crollo del Mezzogiorno. È inammissibile, non è un atto di solidarietà nei confronti del Nord, ma un peso che ancora una volta ricade sulle spalle di chi ha più bisogno e ha già meno.”

E’ quanto sostiene il Movimento 24 Agosto – Equità Territoriale, in una nota diffusa alla stampa.

I fondi destinati al Sud dall’UE  –  è scritto nella nota – non possono essere il contrappeso di un’emergenza che riguarda tutto il Paese, e per il quale l’Italia potrà già sforare il deficit per 25 miliardi. Il Meridione non ha strutture, non ha servizi, non ha possibilità di garantire a se stesso la “sopravvivenza” sanitaria, già in situazioni normali, figuriamoci in una situazione di emergenza globale come quella che stiamo vivendo. Si chiede al Sud di dare quello che ancora non ha avuto, e chissà se mai lo avrà.

Ci sono ben altri cespiti – conclude – da cui si può attingere per l’emergenza, fra cui grandi opere che producono solo sprechi e corruzione.