Policoro, sequestrate opere abusive realizzate in area demaniale

Denunciati madre e figlio gestori di una nota attività di ristorazione

Venerdì 20 marzo a Policoro, i Carabinieri del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Matera hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo emesso dal Giudice delle Indagini Preliminari del Tribunale di Matera, su richiesta della locale Procura della Repubblica.

I militari hanno messo i sigilli a tre opere edilizie realizzate, in assenza di titolo abilitativo, in una nota attività di ristorazione situata sul litorale jonico e gestita da una famiglia originaria di Taranto ma da anni stabilitasi a Policoro.

Le indagini hanno permesso di accertare la realizzazione abusiva, all’interno di un’area demaniale marittima concessa alla famiglia ed in cui è stato avviato da anni un ristorante estivo molto conosciuto sia dai residenti del luogo che dai vacanzieri, di una struttura ombreggiante di 198 mq e di un servizio igienico a servizio dell’attività, nonché l’ampliamento di un manufatto in muratura già presente all’interno della stessa area.

Denunciati i due titolari delle concessioni, rispettivamente madre e figlio, quest’ultimo gravato da precedenti penali