Uno su dieci, una mamma infermiera racconta la terapia intensiva pediatrica

Samantha Errani, autrice di un volume guida su come affrontare la nascita di un figlio prematuro

Uno su dieci è il titolo del libro scritto da Samantha Errani, infermiera di terapia intensiva neonatale specializzata in prematuri gravi.

Da poco tornata da Londra dopo tanti anni, vive a San Benigno Canavese, in provicia di Torino. La donna, infatti dopo la nascita del secondo figlio (nato con una sindrome genetica rara) ha dovuto lasciare il suo lavoro in terapia intensiva neonatale presso il St. George’s Hospital di Londra per prendersi cura di lui.

“Uno su dieci” è  il numero di bambini nati prematuri, un numero piuttosto alto di cui moltissimi genitori non sono a conoscenza.

Il libro è una guida su come affrontare l’esperienza di terapia intensiva (nel caso dovesse capitare alla mamma che legge), con spiegazioni in termini comprensibili da tutti di attrezzature, procedure e consigli su come affrontare al meglio questa esperienza. Contiene inoltre le testimonianze di mamme e colleghe che Samantha ha incontrato durante la sua carriera.

Signora c’e’ un problema con suo figlio. Deve nascere oggi.” Queste -scrive Samantha- sono le parole che a volte si sentono pronunciare durante quella che sembrava essere una normale visita di controllo. O quando per tutta la giornata non hai sentito tuo figlio muoversi dentro di te, e preoccupata hai deciso di chiedere consiglio al tuo medico. Quelle parole scandiscono il momento in cui tutto cambia. In cui la preoccupazione più grande non è più il colore delle tutine o scegliere il biberon perfetto. In un secondo tutto ciò che conta è confinato all’interno di una piccola incubatrice che tiene in vita il tuo bambino. Tuttto questo capita ogni giorno, una volta su dieci.