Mascherine irregolari, tre indagati. Distribuite anche in Basilicata

Operazione della Polizia Postale partita dalla Sardegna

Avevano importato dalla Cina 40mila mascherine Ffp2 non conformi alla normativa, distribuendole in Sardegna, Lombardia, Lazio, Piemonte e Basilicata. Gli agenti del Compartimento della Polizia postale della Sardegna hanno portato a termine un’importante operazione, denominata ‘Mask’, relativa all’importazione di mascherine irregolari in Italia.

Denunciati per frode nell’esercizio del commercio e falsità materiale commessa dal privato in certificati il titolare di una ditta di Brescia che ha importato le mascherine, e i titolari dei due distributori, uno sempre a Brescia e uno a Salerno. Sequestrate complessivamente quattromila mascherine Ffp2 irregolari.

I Dpi avevano sia il certificato che la dichiarazione attestante la conformità alla normativa italiana falsi: apparentemente erano stati emessi da una società in provincia di Mantova che contattata dagli investigatori ha confermato di non aver mai certificato mascherine. (Fonte Ansa)