Quantcast

Matera, “che fine ha fatto la bonifica della discarica di La Martella?”

Il Comitato "Quaroni" scrive al sindaco De Ruggeri

Il Comitato di quartiere “Quaroni del Borgo La Martella”  scrive al sindaco De Ruggeri, e per conoscenza al Prefetto e al Questore della Città per chiedere che fine abbia fatto la bonifica della discarica La Martella. Di seguito la lettera:

Illustrissimo Sindaco, apprendiamo dalla stampa locale che il governo del Comune di Matera ha posto in essere la programmazione delle opere pubbliche da appaltare a breve scadenza e comunque entro la fine di questa consiliatura, prevista, a tutt’oggi, per il mese di ottobre prossimo

Tra gli interventi programmati da realizzare con priorità nell’immediato per un importo complessivo di 25 milioni di euro, si rilevano:  la costruzione della nuova scuola media Torraca, nell’area della ex centrale del latte;  la casa delle tecnologie;  la Piazza della visitazione; la tangenziale ovest.

A seguire ulteriori 13 milioni per il parco della storia dell’uomo e 4,5 milioni per la ristrutturazione del cine-teatro Duni. In programma, in ordine alle disponibilità finanziarie anche interventi di riqualificazione nei Rioni Spine Bianche e Piccianello, oltre che interventi viari nei borghi La Martella, Venusio e Picciano. Seguono la edificazione, dopo la demolizione della scuola media Torraca, di un nuovo fabbricato nelle disponibilità del Comune e della Provincia, nonché interventi di ampliamento del palazzo comunale e di edificazione della nuova sala consiliare.

Tra i tanti interventi condivisi ed apprezzati, tutti finalizzati alla crescita della città, al miglioramento dei servizi e al potenziamento delle infrastrutture, nulla traspare in ordine al tanto decantato, garantito e pubblicizzato intervento di bonifica della discarica di La Martella che tanti patimenti, sofferenze e condizioni di malessere ha causato, e tuttora causa, agli abitanti del borgo.

Eppure, meraviglia non poco che i problemi costituenti oggetto di pericolo e danno per la salute dei cittadini, trovino spazio e considerazione soltanto in teoria, si parla, si riparla ma purtroppo non si interviene per la loro rimozione. Ancora una volta noi cittadini del Borgo La Martella torniamo a sentirci orfani, abbandonati e delusi da chi, dovendo rappresentarci, dimentica della nostra esistenza.

Per quanto la Regione Basilicata abbia nominato un commissario ad acta per gli interventi volti al superamento della procedura europea di infrazione cui è sottoposta la discarica di La Martella e per quanto Invitalia abbia già prodotto il progetto esecutivo e definitivo per la relativa bonifica, i lavori non risultano appaltabili in quanto non previsti nel piano triennale 2020 – 2022 dei lavori pubblici del Comune di Matera.

Orbene, le migliaia di abitanti del Borgo La Martella, che ritengono prioritaria e indispensabile la tutela e la salvaguardia della salute pubblica, si rivolgono alla S.V. Illustrissima per essere informati sullo stato dei lavori in merito alla bonifica della discarica.

Nel contempo si sollecita con tutta l’urgenza che il caso richiede, la definizione, come più volte promessoci, dei tanto auspicati e annunciati lavori di messa a norma della discarica.

Comitato “Quaroni Borgo La Martella Matera”