Anpi Basilicata: Si ripristini il tribunale di Melfi

"Per contrastare con maggiore efficacia il dilagare della criminalità organizzata"

Agli inizi di questo difficile 2020, le rappresentanze di Libera contro le Mafie e dell’Anpi della Basilicata, del Molise e delle Province di Foggia, Avellino e Benevento, inviarono un appello al Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte teso a far adottare un provvedimento di stralcio dei lavori della Commissione Parlamentare che sta esaminando i riscontri sulle circoscrizioni giudiziarie, soppresse con troppa fretta nel recente passato, per ripristinare con somma urgenza i Tribunali di Melfi e di Lucera. L’intento mira a contrastare con maggiore efficacia il dilagare della criminalità organizzata pugliese con specifico riferimento alla mafia foggiana e garganica che com è noto spazia anche nelle regioni circostanti di Basilicata, Campania e Molise.

Riavvicinare l’amministrazione della giustizia ai cittadini ed investire in sicurezza delle imprese, legalità democratica, celerità dei procedimenti e potenziamento degli organici della Magistratura e delle Forze di Polizia in aree fortemente a rischio, sono misure essenziali per restituire allo Stato il controllo del territorio e su simili obiettivi si può promuovere la più ampia e convinta adesione istituzionale, imprenditoriale, sociale e professionale. Le ultime operazioni delle Direzioni Distrettuali Antimafia in Puglia, Basilicata, Campania e Molise, a cui va massimo apprezzamento, confermano che le piazze più pericolose per lo spaccio di droga ed altre attività criminali come la pressione esercitata sulle imprese agricole ubicate nelle aree di confine, lo sfruttamento degli immigrati, l’usura, il gioco d’azzardo, e la progressiva infiltrazione con acquisizione di aziende, appalti o forniture di beni e servizi partono, per lo più, da Cerignola, San Severo o altri centri della Provincia di Foggia.

Per riprendere il controllo di un territorio strategico in cui sono stati appaltati lavori per miliardi di euro nella tratta ferroviaria ad alta velocità Napoli-Bari e dov è ubicato uno dei più grandi stabilimenti industriali europei, occorrono misure efficaci e permanenti, come l’auspicabile riapertura dei Tribunali di Lucera e Melfi con potenziamento degli organici di Magistrati e Forze di Polizia. Con un Presidente del Consiglio già iscritto all’Ordine degli Avvocati di Lucera ed un Ministro degli Interni che conosce bene la Basilicata, la norma-stralcio a tutela di cittadini, lavoratori e imprese, potrebbe essere oggetto quanto meno di una specifica istruttoria tecnica.

Michele Petraroia, presidente Anpi Basilicata

Più informazioni su