Universo Salute, continua lo stato di agitazione

Presìdi per tutto il mese di agosto a partire da lunedì 10

Continua lo stato di agitazione dei lavoratori Universo salute, ex Don Uva, che preannunciano un presidio lunedì 10 agosto davanti alla Regione Basilicata. I lavoratori chiedono risposte certe e chiare da parte di tutti gli attori della complessa vertenza.

Nonostante le rassicurazioni ricevute nell’incontro con l’assessore regionale alla Salute Rocco Leone tenutosi lo scorso 30 luglio, i lavori della Commissione regionale appositamente costituita per superare l’empasse della copertura della compartecipazione del 15% legata all’inquadramento del setting assistenziale dei pazienti ospitati nel centro socio sanitario riabilitativo, cui è connesso il reintegro dei lavoratori, non sono ancora conclusi.

Frattanto i 25 dipendenti in cassa integrazione e i due lavoratori somministrati restano a casa, continuando a veder dipendere il proprio futuro lavorativo dai rimpalli burocratici tra regione Basilicata e ASP, ben consapevoli del fatto che strumentalmente Universo Salute non li reintegrerà fino a quando non sarà chiaramente definita la questione della compartecipazione.

Per questi motivi, nel mentre la mobilitazione prosegue con ulteriori presidi per tutto il mese di agosto, rinnoviamo la richiesta di un incontro urgente al prefetto di Potenza affinché si faccia una volta per tutte chiarezza su questa vertenza che non può continuare all’infinito sulle spalle di lavoratori che vivono col fiato sospeso.

Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl, Ugl, Usb, Fsi