Quantcast

Azienda ospedaliera San Carlo, incontro con le parti sociali sulla ripartenza

Il commissario Spera: "Auspico che quanto non si è fatto in passato si possa realizzare, in un tempo congruo, assieme a tutti gli attori coinvolti”

Il 14 settembre scorso i vertici dell’Azienda ospedaliera regionale San Carlo hanno incontrato i rappresentanti sindacali della Basilicata, nell’Auditorium del nosocomio del capoluogo, nel pieno rispetto delle prescrizioni per impedire la diffusione del contagio da Covid-19, per discutere del nuovo corso dell’Azienda ospedaliera e per avviare la stagione della ripresa delle attività sanitarie, pur in uno stato di emergenza pandemica.

Il commissario Giuseppe Spera, con il direttore sanitario Angela Pia Bellettieri e il direttore amministrativo Eufrasia Pesarini, accompagnati dal nuovo titolare della Gestione Risorse Umane e dal dirigente infermieristico, ha ascoltato le ragioni dei rappresentanti delle sigle sindacali e dei lavoratori del comparto e della dirigenza.

Le parti -si legge in una nota del San Carlo- hanno richiesto di avviare le trattative e concludere le azioni rimaste per troppo tempo ferme senza tavoli di concertazione, con il fine di perfezionare misure utili ai dipendenti e mettere al centro dell’agenda il benessere dei lavoratori.

Il commissario Spera si è mostrato attento a tutte le istanze e, punto per punto, ha risposto con la consapevolezza che “quanto non si è fatto in passato si possa realizzare, in un tempo congruo, assieme a tutti gli attori coinvolti”.

Sono stati toccati molteplici temi, dalle progressioni economiche orizzontali 2019 ferme al nuovo accordo 2020, agli ‘incentivi Covid’ al ruolo degli ospedali in una visione di insieme che superi l’impostazione di centro e periferia, dal rafforzamento della risposta al bisogno di salute delle comunità locali ed extra regionali, dal miglioramento dei servizi resi, tra prestazioni di alta specialità e quelle di medio-bassa complessità alle stabilizzazioni e mobilità agli accessi negli Ospedali in sicurezza.