Quantcast

Caccia illegale, denunciati due bracconieri ad Atella

Entrambi napoletani, sono stati sorpresi dai carabinieri mentre utilizzavano richiami elettronici per catturare cardellini

I Carabinieri della Stazione Carabinieri di Atella e dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Melfi, con l’ausilio di militari della Stazione Forestale di Rionero in Vulture, hanno denunciato un 43enne ed 45enne, entrambi della provincia di Napoli, ritenuti responsabili, in concorso tra loro, di maltrattamento di animali e furto venatorio, con l’utilizzo di richiami elettronici.

I carabinieri nel corso di un servizio di controllo del territorio, nei pressi di una zona collinare del comune di Atella, hanno sorpreso i due uomini nascosti dietro un riparo, intenti a praticare l’esercizio illegale dell’uccellagione, finalizzata alla cattura di cardellini, attuata con l’impiego di dispositivi fissi e finalizzata alla cattura di selvaggina volatile.
Sul posto sono stati rinvenuti 8 cardellini rimasti imprigionati in trappole artigianali, costruite con fili e legnetti, dopo esservi stati attirati con richiami acustici elettronici.
I bracconieri, infatti, erano dotati di tutti gli arnesi che si utilizzano normalmente per la cattura illegale di volatili di specie protetta.
Nel corso dell’intervento sono stati rinvenuti e sequestrati dai carabinieri 2 richiami elettronici ed altrettante gabbiette per uccelli.
Gli 8 cardellini catturati sono stati rimessi in libertà in un luogo idoneo.

Più informazioni su