Basilicata: Procura antimafia dispone perquisizione per consigliere regionale della Lega

Blitz dei carabinieri del Comando provinciale di Matera nell'abitazione e negli uffici regionali di Pasquale Cariello

Doppia perquisizione dei carabinieri per il consigliere regionale della Lega Pasquale Cariello disposta dalla Procura distrettuale antimafia di Potenza.

In mattinata i carabinieri del Comando provinciale di Matera hanno perquisito l’abitazione del consigliere regionale, a Scanzano jonico e successivamente gli uffici della Regione Basilicata del consigliere leghista.

La perquisizione sarebbe legata a fatti risalenti al 2018, quando Cariello era consigliere  al Comune di Scanzano Jonico che, nel 2019,  è stato sciolto per infiltrazioni mafiose. Al centro dell’indagine a suo carico, con l’accusa di abuso d’ufficio aggravato dal metodo mafioso, il concerto di un cantante neomelodico noto per l’impronta elogiativa del mondo criminale. Lo spettacolo fu segnalato anche nella relazione del Ministero dell’Interno che lo inserì tra gli episodi che attestavano “inequivocabilmente i condizionamenti dell’amministrazione locale” da parte della criminalità in quanto organizzato da una associazione facente capo direttamente a soggetti intranei alla locale organizzazione criminale.

Pasquale Cariello, imprenditore di Scanzano Jonico, componente della Lega Salvini Basilicata è stato eletto in consiglio regionale alle elezioni del marzo 2019. Il Consigliere, che ha respinto ogni addebito, ha dichiarato la sua disponibilità ad essere ascoltato dal magistrato titolare dell’indagine.