Covid Basilicata. Il giallo dell’ordinanza n. 45: Bardi le scuole le riapre, le richiude o le nasconde?

Un dubbio che nasce dalla lettura attenta degli articoli 1 e 2 del provvedimento emanato ieri 27 novembre

Se leggiamo bene l’ultima ordinanza, la n. 45, del presidente Bardi, circa le misure per la gestione dell’emergenza Covid, ci assale un dubbio.

Dubbio che vorremmo venisse sciolto dalla Giunta Regionale e dai suoi esperti legali. Qual è il dubbio? In base a quanto scritto nell’ordinanza n. 45, la precedente n. 44 sulla chiusura delle scuole elementari e medie sarebbe stata abrogata.

L’articolo 1 dell’ultimo provvedimento di ieri, 27 novembre, cita molte ordinanze emanate dal giugno scorso e fino alla n.43 del 13 novembre per confermarne l’applicazione, tranne l’articolo 3 della non 42 che disponeva la zona rossa per Irsina e Genzano. La n. 44 del 15 novembre che riguardava la chiusura delle scuole, non è per niente citata.

L’articolo 2 fa salve le disposizioni del dpcm del 3 novembre che riguarda anche le scuole.

Dunque, non viene confermata l’applicazione dell’ordinanza n. 44? È stata abrogata l’ordinanza n. 44 sulla chiusura delle scuole? Oppure in tal modo, Bardi, ha semplicemente ottemperato al riesame che gli è stato imposto dal tar? Domandine semplici.

Non sarebbe la prima volta che alcune ordinanze vengano modificate alla chetichella senza che l’opinione pubblica ne abbia contezza. Capriole e fraseggi burocratici che avrebbero consentito di tutto e il contrario di tutto specie nelle ordinanze della prima ondata della pandemia.