Quantcast

Covid, il sindaco di Tito: rivedere i protocolli in ambito scolastico

In una lettera indirizzata al ministro della Salute e al presidente della Basilicata, Graziano Scavone chiede un aggiornamento delle procedure finalizzate a contrastare il contagio nelle scuole

Riceviamo e pubblichiamo il testo integrale della lettera inviata dal sindaco di Tito al ministro Speranza e al presidente Bardi.

Gentilissimo Sig. Ministro, Gentilissimo  Sig. Presidente,

questi che stiamo attraversando sono giorni molti intensi per tutti noi a causa della situazione epidemiologica che sta mettendo a dura prova la tenuta del sistema sanitario e sociale nel nostro paese.

Lo sforzo che lo Stato, le Regioni, i Comuni e le diverse articolazioni territoriali stanno compiendo al fine di garantire all’intera popolazione la migliore sicurezza sanitaria è encomiabile seppur insufficiente a ridurre le preoccupazioni nelle comunità locali, chiamate a dimostrare ancor più di prima  un grande senso di corresponsabilità nei comportamenti da adottare per contrastare la diffusione del virus ed  evitare di incorrere in ulteriori limitazioni, i cui effetti sul piano socioeconomico potrebbero essere drammatici per il sistema paese, tanto più in aree deboli come la Basilicata.

Nella discussione generale di questi ultimi giorni spesso si assiste ad una lettura superficiale di ciò che basterebbe fare per ridurre la curva dei contagi. Le attenzioni si concentrano in particolar modo sulla sospensione delle attività didattiche nelle scuole di ogni ordine e grado in tutto il territorio nazionale e comunque nelle regioni a più alto indice di trasmissione del covid-19.

Molte sono le proposte avanzate ed indirizzate alle autorità nazionali e regionali, non da ultimo anche dall’Associazione nazionale dei Comuni di Basilicata, per migliorare le attività di sorveglianza sanitaria, di tracciamento dei contatti, per rafforzare e accrescere il coordinamento tra la medicina di base ed il sistema sanitario locale.

A tal proposito mi sento di offrire il mio modesto contributo da sindaco di periferia avendo maturato in questi giorni il convincimento sulla necessità di rivedere il protocollo sanitario fin qui adottato in ambito scolastico per evitare di interrompere la didattica in presenza.

A mio avviso è improcrastinabile agire su tre assi prioritari: eseguire test rapidi antigenici almeno ogni due settimane ai docenti ed al personale scolastico per monitorare la diffusione del virus iniziando appunto  dagli operatori che hanno una più ampia rete di contatti all’interno della scuola; estendere l’obbligo di quarantena ai contatti stretti dei contatti stretti con un positivo e di conseguenza attivare la didattica a distanza anche a costoro,  consentendo così di interrompere potenziali catene di contagio che interessano medesimi nuclei familiari; definire indici per la misurazione di un livello di criticità derivante, ad esempio, dalle connessioni tra i casi positivi, alunni e propri familiari in quarantena, dall’assenteismo tra personale docente e alunni, al fine di sospendere le attività didattiche in presenza quando gli indicatori superano la soglia ritenuta sostenibile.

In conclusione, è urgente aggiornare il protocollo vigente in ambito scolastico e restituire a tutti la tranquillità di frequentare ambienti sicuri, di non mortificare il valore dell’istruzione e lo sforzo che dirigenti scolastici, personale docente, collaboratori tecnico amministrativo, enti locali e famiglie stanno impiegando per garantire, in questo momento così complesso, il diritto universale allo studio e alla conoscenza.

Ringrazio per l’attenzione che dedicherete al presente contributo e rivolgo gli auguri di proficuo lavoro a tutti noi.

Cordialmente,

 Graziano Scavone

 Sindaco Città di Tito