Melfi, il sindaco chiude le scuole “Berardi” e “Ferrara”: 12 classi in quarantena

Nei due istituti ordinanza di sospensione delle attività per 10 giorni

Più informazioni su

Dinanzi all’impossibilità di garantire “l’attività didattica in presenza ed in assenza dei test rapidi ” il sindaco di Melfi, Livio Valvano ha firmato oggi un’ordinanza di sospensione attività per le scuole secondarie di primo grado “Berardi” e “Ferrara” valida dieci giorni.

All’Istituto Berardi “8 classi su 14 in quarantena” ed un rilevante numero di docenti interessati dal provvedimento di quarantena disposto in applicazione delle linee guida nazionali. All’Istituto Ferrara, invece, quattro classi in quarantena per le quali è stata attivata la DDI e docenti in isolamento. Altre classi registrano un tasso di assenze compreso tra il 52 e l’85 per cento.

“Non vi sono le condizioni operative, per numero delle classi e per la numerosità dei docenti in quarantena, affinché si prosegua in continuità le attività didattiche in presenza -si legge nella relazione inviata dai Dirigenti scolastici al sindaco- oltre che per il potenziale ed ulteriore rischio di diffusione del contagio”.

“Una situazione che di fatto rende impraticabile la continuità della didattica in presenza- ha aggiunto Valvano- poiché i servizi territoriali del Distretto della ASP al momento non dispongono dei test rapidi così come stabilito dalla circolare n.35324 del 30/10/2020 del Ministero della Salute avente ad oggetto i test di laboratorio e il relativo impiego, ritenuti indicati per le indagini di screening in ambiente scolastico e lavorativo. Ad oggi i test sono uno strumento operativo concreto previsto dal Ministero della Salute per garantire che vi siano davvero le condizioni per proseguire le attività didattiche in presenza per la scuola con lo scopo dichiarato di evitare le quarantene e i disagi che si stanno verificando. ”.

“Quella della chiusura temporanea del singolo plesso scolastico è l’estremo rimedio- ha concluso il sindaco- a cui avremmo fatto volentieri a meno di ricorrere se la Regione avesse già acquisito i test rapidi. Per questo auspico che su questa delicata problematica senza indugi si recuperi il ritardo”.
Gli asili e tutte le altre scuole di Melfi continuano regolarmente in presenza.

Più informazioni su