Sanità. L’Asm si dimentica degli operatori socio-sanitari in graduatoria

L’avviso pubblico per soli titoli mortifica i diritti e le speranze di coloro che aspettano da due anni la chiamata

Pubblichiamo la lettera inviata alla nostra redazione da alcuni Oss che contestano l’Asm per l’avviso pubblico finalizzato al reclutamento di operatori.

Gentile direttore,

l’Asm Matera un avviso pubblico per soli titoli per OSS, c’è una graduatoria dell’avviso OSS di 1069 unità su ospedale San Carlo di Potenza, da questa graduatoria fino a una settimana fa L’ ASM ha assunto 5 unità arrivando alla posizione n.197, perché non continua a chiamare dalla graduatoria?

Non è corretto per chi ha studiato per superare un avviso per titoli e colloquio, da due anni in graduatoria aspettando lo scorrimento della stessa, troppo facile adesso solo per titoli. Visto l’emergenza, perché non chiamano noi, continuando ad utilizzare la graduatoria dell’avviso in essere, ribadisco non è giusto. Siamo pronti ad entrare in trincea per la nostra regione.

Non serve fare avvisi, perdite di tempo, esiste già una graduatoria scorrimento “graduatoria OSS dell’avviso a tempo determinato dell’ospedale San Carlo di Potenza. È mortificante stare in graduatoria, attendere il proprio turno, leggere un avviso per soli titoli, per chi ci ha creduto, ha studiato, no non lo possiamo accettare. Basta con le assunzioni facili, esiste una graduatoria.

Un caro saluto e grazie a nome di tutti noi OSS parcheggiati in graduatoria da due anni.

Lettera firmata

Anche se si tratta di un reclutamento per fronteggiare l’emergenza con incarichi di lavoro autonomo o di collaborazione, l’Asm avrebbe potuto fare un’altra scelta di qualità scorrendo la graduatoria a cui voi  fate riferimento. Una scelta di qualità sia in termini di professionalità degli operatori, sia in riferimento alla procedura di reclutamento. Non possiamo che darvi ragione e ci auguriamo che l’Asm si ravveda e magari anche grazie a un intervento di Bardi o di Leone. Lo scorrimento della graduatoria avrebbe garantito anche un reclutamento immediato proprio in virtù dell’emergenza.

Giusi Cavallo