Botti illegali sequestrati dai carabinieri di Melfi, denunciato un 30enne

Trovato materiale esplosivo dall'elevato potenziale offensivo

I Carabinieri della Stazione e dell’Aliquota Radiomobile di Melfi, nel corso di mirati controlli effettuati in occasione delle festività natalizie e di fine anno, hanno deferito in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria un trentenne del luogo, trovato in possesso di fuochi d’artificio e manufatti esplosivi di genere proibito.

I militari hanno eseguito una perquisizione locale e domiciliare, all’esito della quale è stato possibile rinvenire, stoccati nel garage nella disponibilità dell’uomo, diverse “batterie” di fuochi pirotecnici di fabbricazione extraeuropea, contenenti complessivamente circa 8 kg di esplosivo, in relazione alle quali è stata omessa la denuncia alle Autorità di P.S., nonché artifizi pirici artigianali del tipo “cipollotti” e “petardi”, contenenti 400 gr. di esplosivo, di provenienza illecita, in quanto privi di etichettatura e relativi dati di fabbricazione.

Tra il materiale rinvenuto, ha destato interesse e preoccupazione la presenza di una spoletta “passa fiamma”, anche questa priva di etichettatura, e di un artifizio pirico dall’elevato potenziale offensivo, denominato “New Rambo”, contenente ulteriori 40 grammi di esplosivo, per il cui acquisto, detenzione ed uso la normativa di settore prevede il possesso di specifiche autorizzazioni di polizia e adeguate capacità tecniche.

I fuochi rinvenuti, al termine delle attività di catalogazione, sono stati sottoposti a sequestro e trasferiti presso un deposito autorizzato, in attesa della perizia tecnica da parte degli artificieri di questo Comando Provinciale Carabinieri.

Il detentore dei manufatti, deferito alla Procura della Repubblica di Potenza, dovrà rispondere dei reati di ricettazione, omessa denuncia di detenzione di materie esplodenti e detenzione illegale di fuochi pirotecnici non riconosciuti e classificati dal Ministero dell’Interno.