Quantcast

Fuochi pirotecnici pericolosi sequestrati a Tito

La polizia li ha rinvenuti in un negozio gestito da cittadini cinesi

Nella serata di ieri, 29 dicembre, personale della Squadra Amministrativa della Divisione Polizia Amministrativa e Sociale della Questura di Potenza e del Reparto Prevenzione Crimine Basilicata, all’esito di un controllo effettuato in un esercizio commerciale di Tito gestito da cittadini  della Repubblica Popolare Cinese, ha proceduto al sequestro di circa 30 kg di manufatti pirici.

Il materiale esplodente, sottoposto a sequestro, rientrante nella categoria di libera vendita, e sistemato su scaffali a disposizione degli avventori, era tutto scaduto di validità già da tempo e quindi estremamente pericoloso per l’incolumità degli acquirenti in quanto poteva, in occasione dell’utilizzo, provocare incidenti e danni alle persone a causa di un loro potenziale malfunzionamento.

Il titolare dell’esercizio e l’addetto alle vendite, sono stati segnalati alla Procura della Repubblica di Potenza, mentre il materiale esplodente sottoposto a sequestro, dopo le valutazioni dell’Autorità Giudiziaria, sarà distrutto secondo le norme di sicurezza, da personale Artificiere della Polizia di Stato.