Politica e immigrazione. Questa mattina è stata scritta una pagina vergognosa della storia di Potenza

Una destra cialtrona senza arte né parte, capeggiata dal deputato Salvatore Caiata, ha messo in scena uno spettacolo indecoroso e incivile contro gli immigrati

Gli eletti di Fratelli d’Italia Basilicata hanno manifestato, oggi, a Potenza contro il DL Immigrazione che l’onorevole Salvatore Caiata definisce “sconsiderato perché consente un’immigrazione indiscriminata sotto il paravento dell’accoglienza umanitaria.” Per l’onorevole Caiata non c’è la volontà seria di risolvere questo problema.

Alla manifestazione davanti l’Hotel Vittoria, attualmente centro di accoglienza degli immigrati, hanno partecipato, oltre all’onorevole Caiata, gli assessori del Comune di Potenza, Alessandro Galella e Giuseppe Giuzio, i consiglieri comunali, Mary William, Carmen Galgano e Michele Napoli, il responsabile del Dipartimento regionale legalità, sicurezza e immigrazione di Fratelli d’Italia, Francesco Pappalardo e la responsabile del Dipartimento regionale Organizzazione e Comunicazione Fratelli d’Italia , M. Ivana Smaldini. Applausi.

Questi signori, non avendo altro a cui aggrapparsi per mantenersi a galla nel dibattito pubblico che ha ben altre priorità in questo momento, offrono uno spettacolo indecoroso, incivile.

La crema politica di una destra senza arte né parte ignora che certe manifestazioni si fanno davanti al portone della Prefettura. Se le ragioni della protesta sono politiche e riguardano le scelte del governo, allora le contestazioni bisogna indirizzarle alle istituzioni.

Invece, questa gente preferisce insultare la dignità si esseri umani che hanno la sola colpa di essere emigrati dai loro paesi di origine. Il messaggio è stato chiaro: “in questa città non vi vogliamo”. Non c’è alcuna logica politica in quella macchietta di stamattina. Che c’entrano gli immigrati ospitati nel centro di accoglienza con il decreto legge che si vorrebbe contestare?

La verità è che stamane, in un luogo di accoglienza, si è consumata una pagina vergognosa per la città di Potenza: amministratori ed esponenti politici hanno moralmente e simbolicamente schiaffeggiato, insultato, umiliato esseri umani che hanno bisogno di aiuto. Un atto violento inaccettabile.

L’attore Salvatore Caiata e le sue comparse dovrebbero vergognarsi. Non si umilia la gente per avere un briciolo di visibilità.