Quantcast

Covid, l’Italia ha il suo vaccino: presentati i risultati della fase 1 della sperimentazione

Il farmaco usa come vettore l’adenovirus: è sicuro, senza reazioni avverse e con immunità nel 92,5% dei casi

L’Italia è in grado in maniera assolutamente competitiva di giocare partite importanti sulla capacita di generare tecnologia biomedica sofisticata, ha detto il presidente del Css Franco Locatelli alla presentazione all’Istituto Spallanzani dei risultati della Fase 1 della sperimentazione del vaccino italiano anti-Covid ReiThera GRAd-CoV2.

Il farmaco usa come vettore l’adenovirus: è sicuro, senza reazioni avverse e con immunità nel 92,5% dei casi. Verrà somministrato in una singola iniezione intramuscolare e si rimarrà stabile a una temperatura compresa tra 2 e 8 gradi.

“Per quanto riguarda l’“Immunità T”, ovvero le riserve di anticorpi, il vaccino Spallanzani-ReiThera ha fornito ulteriori informazioni – prosegue Ippolito -. Gli anticorpi neutralizzanti sono rilevabili in 42 dei 44 valutati, cioè nel 92,5% dei casi. Il che permette di avere risposte immunologiche efficaci. Esattamente come abbiamo potuto osservare nei pazienti convalescenti nel nostro Istituto”.

“Proviamo a raggiungere una qualche indipendenza anche nella dotazione dei vaccini”, ha sottolineato Domenico Arcuri, commissario straordinario per l’emergenza Covid-19 nella conferenza stampa. “Il Governo ha destinato risorse sufficienti a finanziare lo sviluppo successivo della sperimentazione di ReiThera. Il Governo, tramite una società pubblica, entrerà in ReiThera anche con una operazione di equity, e i contratti di sviluppo serviranno a finanziare la ricerca e una stabilizzazione incrementale della produzione”.