Controlli dei carabinieri, due persone denunciate nel Materano

Per una è scattata anche la sanzione per violazione delle norme anti covid

Più informazioni su

I Carabinieri della Compagnia di Pisticci hanno denunciato due persone trovate in possesso di strumenti atti ad offendere, il cui porto è severamente vietato dalla legge.

A Bernalda durante un posto di controllo nel centro abitato, i carabinieri hanno fermato e sottoposto a controllo un’autovettura con a bordo tre giovani del posto che, essendo gravati da precedenti di polizia, sono stati sottoposti a perquisizione personale e veicolare. Al termine del controllo, un 20enne, di origini albanesi, ma da tempo residente in Italia con la famiglia, è stato trovato in possesso di una noccoliera (tirapugni), nascosta in una tasca interna del giubbotto. L’oggetto, il cui porto è severamente vietato dalla legge in quanto considerato arma bianca, era stato reso tra l’altro più efficiente, attraverso l’apposizione di un nastro adesivo morbido nell’impugnatura, al fine di renderne l’utilizzo più comodo. Il giovane è stato denunciato porto abusivo di armi od oggetti atti ad offendere, e la noccoliera (tirapugni) sottoposta a sequestro.

A Stigliano invece, nel corso di un servizio perlustrativo notturno, i militari hanno intercettato e sottoposto a controllo un’autovettura che, incurante del coprifuoco imposto dalle misure introdotte per fronteggiare l’emergenza epidemica da covid-19, circolava nel centro cittadino. Le condizioni di tempo e di luogo ed i precedenti di polizia del 44enne che era alla guida del veicolo hanno portato i miliari ad effettuare una perquisizione veicolare e personale, a seguito della quale l’uomo è stato trovato in possesso di un coltello di 19 cm, nascosto nella tasca dei pantaloni. Per il 44enne è scattata la denuncia e anche una sanzione per violazione delle norme per il contrasto alla diffusione del covid-19, avendo violato il coprifuoco notturno.

Più informazioni su