Lavoratori forestali del Lagonegrese: “Regione, sindacati e Consorzio se ne fregano di noi”

"Stipendio di dicembre ancora non accreditato e nessuna partenza anticipata dei cantieri. Tutto come al solito"

Riceviamo e pubblichiamo la lettera dei lavoratori del Lagonegrese impegnati nella forestazione.

Di seguito il testo

Nemmeno la pandemia e il disastro economico riescono a scalfire la corazza di pietra dei suddetti attori che continuano, imperterriti a strafregarsene della situazione lavorativa ed economica dei circa 5000 addetti forestali. Siamo alle solite: non è stato ancora accreditato lo stipendio di dicembre 2020, non sono state poste ancora le basi per una anticipata partenza delle attività lavorative, peraltro da sempre promessa, non si riesce a dar vita al nuovo Cirl (contratto integrativo regionale) non si punta su una nuova e più consona organizzazione del lavoro.

Eppure, ormai, dopo quattro anni di gestione da parte del Consorzio i problemi, le situazioni inerenti al lavoro quali: recupero fondi, rapporti tra gli addetti ai lavori, organizzazione, diritti e doveri di tutti gli attori in campo dovrebbero essere chiari ed invece si tira a campare senza gettare le basi per un miglioramento di tutto l’apparato forestazione. La realtà è che purtroppo, la cosa non interessa a nessuno di coloro che avrebbero la capacità ed il potere di modificare in meglio la situazione.

Purtroppo, bisogna gridarlo con forza, ognuno pensa al proprio tornaconto e alle proprie rendite di posizione a partire dal Consorzio e finire alla Regione e alle organizzazioni sindacali. Sono proprie queste ultime che dovrebbero dare il là ad un cambiamento perché sono loro le depositarie della difesa dei diritti dei lavoratori, purtroppo ci siamo resi conto sempre di più che ormai per loro tutto ciò non rappresenta più la propria stella polare.

Quindi sconforto, disgusto, rabbia ed anche purtroppo rassegnazione albergano nei lavoratori che non vedono la luce in fondo al tunnel. Tutto questo riguarda il pensiero della delegazione della Forestazione del Lagonegrese, che ancora una volta esorta tutti a essere uniti e solidali nel condannare chi potrebbe e non opera.

Inoltre richiama coloro che sono arbitri della partita e quindi Regione, Consorzio, e Organizzazioni sindacali ad avere almeno un briciolo di dignità per risolvere in tempi brevi le problematiche che attanagliano il settore forestazione altrimenti non sarà una bella figura quella di essere regione capofila di un progetto interregionale di forestazione senza saper nemmeno tenere fede ai propri impegni.

GRUPPO FORESTALI LAGONEGRESE