Quantcast

“Vecchi di merda”: grave episodio ai danni del Centro Sociale Anziani di Scanzano Jonico

Tiziana Pirretti: "Non siamo un peso, ma una ricchezza"

“Il grave gesto perpetrato ai danni del Centro Sociale Anziani Polivalente di Scanzano Jonico va senza mezzi termini condannato ed isolato. E’ a dir poco disgustoso, in un momento storico così delicato e difficile come quello che stiamo vivendo, che si assista a gesti di una bassezza morale e culturale inclassificabili.

In qualità di Presidente regionale di FederAnziani non posso non esprimere la mia vicinanza, il mio sostegno e la mia stima all’instancabile Presidente Mario Vitale e a tutti i soci del Centro per il grave gesto subìto che di riflesso si ripercuote su tutta quella parte di società che, oltre a pagare un prezzo altissimo per colpa della pandemia in atto, da alcuni è ancora considerato un peso anziché una ricchezza come in realtà è.

Ai responsabili che mi auguro siano ben presto individuati e messi di fronte alle loro responsabilità per questo gesto ignobile, rivolgo l’invito di provare ad avvicinarsi e vivere il fantastico mondo associativo della terza età e sono convinta che, dopo poco tempo, saranno delle persone migliori o quanto meno, avranno qualcosa di meglio da fare piuttosto che esternare il loro male di vivere attraverso offese dedicate a chi non è vecchio ma risorsa preziosa per tutti noi. Quel “Vecchio” potrebbe essere tuo padre, tuo nonno, tuo fratello. Rispettalo.”  E’ quanto dichiara in una nota diffusa stamane, Tiziana Pirretti, Presidente di Federanziani.

Anche Cia e Agia, hanno espresso indignazione per il gesto.

“Non riusciamo a trovare nessuna giustificazione in merito all’orribile frase scritta sulla vetrata d’ingresso del centro sociale pensionati di Scanzano J.  “Vecchi di merda” – commenta Roberto Giannantonio responsabile INAC-CIA Basilicata – l’associazione ha sempre mostrato attenzione e amore verso la comunità di Scanzano e non solo, aprendo le porte a laboratori intergenerazionali, convegni e ogni manifestazione utile alla crescita del comune e allo sviluppo dei concetti di solidarietà, sviluppo sostenibile e invecchiamento attivo. Una frase che lascia tutti con l’amaro in bocca. Gli anziani sono la ricchezza del nostro presente, esprimo la vicinanza dell’INAC Basilicata e dell’ufficio CIA di Scanzano al Presidente Mario Vitale e tutti i soci del centro sociale”.

Rudy Marranchelli, presidente Agia (Associazione Giovani Imprenditori Agricoli), ricorda che c’è una legge regionale del 2017 – “Promozione e valorizzazione dell’invecchiamento attivo e della solidarietà tra generazioni” – che va recuperata ed attuata in tutte le sue azioni. Da parte di noi giovani agricoltori questo gesto assurdo è una nuova molla per rilanciare quel patto generazionale da sempre sostenuto che ci vede orgogliosi di proseguire l’attività e l’esperienza dei nostri nonni nei campi. Continuiamo quotidianamente ad avere bisogno di loro come delle nostre nonne chef custodi della tradizione della cucina contadina e popolare.