Quantcast

Rifiuti: alcune domande alla Giunta regionale

Il Piano d’Ambito pare sia scomparso, annullato, dimenticato dalla Regione, perché?

Il D. Lgs 152/06 (successivamente Codice Ambiente o Decreto) e successive modificazioni, affida all’Autorità di Ambito il compito di approvare il Piano di Ambito per la gestione dei rifiuti urbani. Le caratteristiche di tale piano sono definite all’art. 20, comma 3 e 203, comma 3). Lo strumento introdotto è molto simile a quello già individuato per il servizio idrico integrato e definisce quindi un assetto di regolazione locale “pianificato”, compatibile con un affidamento di lungo periodo (minimo 15 anni, come previsto dalla normativa nazionale) e fortemente collegato al sistema tariffario. Il Piano contiene gli obiettivi da perseguire per garantire la gestione secondo criteri di efficienza, efficacia, economicità e trasparenza, ed in particolare definisce: Il programma degli interventi, il piano finanziario, il modello organizzativo e gestionale, le risorse disponibili e il piano tariffario. L’autorità di ambito in Basilicata è L’Egrib.

Che fine ha fatto il Piano d’Ambito in Basilicata?

Perché il Documento Preliminare del Piano d’Ambito Rifiuti (proposto con Decreto AU Egrib n. 17 del 21/03/17, approvato dall’Assemblea con Delibera n. 3 del 31 marzo 2017), non è più stato adottato, o comunque implementato/aggiornato fino ad una redazione definitiva, dall’ Egrib?

Il Piano, in attuazione dell’art. 13 della L.R. n. 35 del 16 novembre 2018 che indica ad Egrib un tempo di 12 mesi (dall’entrata in vigore della LR n. 1 del gennaio 2016 istitutiva dell’Ente) per la sua redazione, è stato trasmesso alla Giunta regionale?

La Giunta regionale, se avesse ricevuto il documento dell’Egrib si sarebbe dovuta pronunciare entro 30 giorni, prescrivendo eventuali modifiche da apportare o osservazioni. Quindi, La Giunta ha ricevuto o no quel documento? Se la Giunta lo ha ricevuto e lo ritiene conforme ai contenuti del Piano regionale sui rifiuti e non ha né fatto osservazioni né ha prescritto modifiche da apportare, allora perché il Piano d’Ambito non lo si approva definitivamente nell’Assemblea dei Sindaci di Egrib?

Dunque un Documento preliminare – già di buon livello, magari bastava solo aggiustare/completare qualcosa –  propedeutico alla redazione definitiva e quindi all’adozione del Piano d’Ambito, cioè del fondamentale strumento di gestione integrata dei rifiuti urbani sarebbe scomparso nonostante l’Egrib lo abbia trasmesso alla Regione nel 2017. Perché? Di chi è la responsabilità se siamo ancora senza il principale strumento di gestione del sistema rifiuti in Basilicata che dovrebbe attuare la programmazione di un Piano Regionale approvato in Consiglio regionale nel dicembre 2016, tra l’altro anch’esso ormai datato e mai applicato?