Quantcast

A Matera arriva il tour nazionale dell’Ugl “Il Lavoro Cambia anche Noi!” verso il Primo Maggio

Domenica 11 aprile in piazza Vittorio Veneto incontro con il segretario nazionale e quelli territoriali

Più informazioni su

Domenica 11 aprile arriva a Matera, alle ore 11, in Piazza Vittorio Emanuele, la quinta tappa del tour itinerante promosso dall’Ugl, a bordo di un bus, in occasione della Festa del Lavoro col motto “Il Lavoro Cambia anche Noi!”. Il sindacato ha deciso di essere al fianco dei lavoratori con 30 appuntamenti che si snoderanno lungo l’Italia e che si concluderanno sabato primo maggio a Milano. L’obiettivo-spiega il sindacato in una nota- è quello di raggiungere nei singoli territori i propri iscritti, i dirigenti e tutti i lavoratori alle prese con una crisi economico-sociale che sta acuendo le disuguaglianze.

All’incontro, tra gli altri, prenderanno parte Paolo Capone, segretario Generale dell’Ugl, e Giovanni Tancredi, e Pino Giordano, segretari lucani del sindacato. L’idea nasce dalla volontà dell’Ugl di rivendicare la centralità del lavoro, andando nelle piazze, nelle fabbriche e nelle realtà produttive di tutto il Paese.

«La Basilicata è ricca di eccellenze rurali, agricole, gastronomiche e culturali che la rendono una terra unica. -si legge ancora nel comunicato stampa dell’Ugl- Proprio per questo fu scelta Matera come capitale europea della cultura nel 2019, con l’obiettivo di far scoprire al mondo un tesoro quasi nascosto. In tal senso, è necessario implementare le infrastrutture per favorire i collegamenti e rendere la regione ancora più accessibile per il turismo internazionale, per il trasporto e il commercio. Inoltre, in questo periodo di crisi economica a causa della pandemia da Covid-19 è opportuno incoraggiare il reinserimento occupazionale e l’integrazione lavorativa, soprattutto per supportare le piccole e medie imprese che sono in grande sofferenza. Bisogna promuovere condizioni di lavoro che siano stabili e durature e che diano la possibilità ai giovani di essere inseriti nel mondo del lavoro. È altresì prioritario potenziare la campagna vaccinale e attivare i contributi a fondo perduto alle imprese per far ripartire l’intera regione».

Dopo Roma, Napoli, Messina, Reggio Calabria e Matera il viaggio proseguirà e farà tappa in altre città italiane.

Più informazioni su