Quantcast

“Boom”, nuovo singolo e videoclip per la cantautrice lucana Tarsia

L'artista, originaria di Policoro, al lavoro per il suo primo album di inediti

Tatiana Tarsia, cantautrice lucana, di Policoro, nome d’arte Tarsia, dedica all’amore il suo nuovo videoclip dal titolo “Boom”. Ambientato in un contesto urbano l’amore dei due protagonisti, è il filo conduttore del video musicale. Da una parte l’amore che resta vivo nei ricordi fra parchi e viuzze del quartiere Centocelle di Roma, dall’altra quello tra le mura domestiche che sta arrivando al capolinea. Una distanza affettiva che Tarsia racconta dall’interno di un’auto che guida, “come spesso i sentimenti guidano il nostro istinto verso un punto di rottura… Siamo come le bombe esplodiamo se ci avviciniamo forse è meglio se disinneschiamo.”

Nel videoclip, storie parallele potrebbero intrecciarsi per riempire i vuoti che la fine di una relazione crea, ma i due protagonisti, piuttosto che abbandonarsi ad una nuova storia, si lasciano intrappolare dai ricordi. Una road-clip dalla narrativa cinematografica, diretta da Fernando Alba, coautore e produttore artistico dell’opera.

“L’idea del videoclip -spiega il regista-nasce dalla voglia di rievocare i momenti belli di una relazione come cura alle ferite che l’amore provoca. Lo abbiamo messo in scena con un linguaggio “cine-slow” perché era necessario far venir fuori anche la sofferenza e la mancanza, sentimenti essenziali per raccontare gli ultimi momenti di una storia. È stato un lavoro di squadra in cui sono stati tutti protagonisti, trascinati dalle emozioni che Tarsia ha saputo scrivere, cantare ed esprimere con il suo playback a tratti commovente.”

“Il videoclip di Boom -spiega invece la cantautrice- l’ho sempre immaginato come un mini-film in cui due attori potessero rappresentare il sentimento contrastante descritto nel brano. Le emozioni vissute dai protagonisti si affiancano a quelle del mio playback come fossero un ricordo, ovvero il voler mantenere vive quelle vibrazioni che solo l’amore riesce a dare, ma che incomprensioni e mancanze di attenzioni possono mandare in frantumi allontanandoci da quello che un tempo credevamo fosse il nostro centro gravitazionale.”

La città, con le sue luci e con i suoi colori, scandisce il ritmo della storia interpretata dagli attori Joseph Altamura e Katia D’ambrosio e da Vincenzo Bilotti e Irene Labonia in veste di coprotagonisti, ognuno con il suo punto di vista e con la propria rappresentazione dei sentimenti descritti nella canzone.

Tatiana Tarsia, cantautrice, nasce a Policoro, in Basilicata. Sin da piccola inizia a scrivere canzoni e studiare canto e pianoforte nel suo amato paese, circondata dal sostegno e dal calore della sua famiglia. “La mia forte passione per la musica -racconta- l’ho ereditata da mio padre. Le mie influenze musicali e sonore prendono ispirazione da Pino Daniele, Amy Winehouse, fino ad arrivare alla musica popolare della mia terra. Il debutto discografico di Tarsia avviene nel 2017 con il brano “Bolle di sapone“, accompagnato da un videoclip girato in Basilicata. Si susseguono una serie di eventi e festival che la vedono protagonista, come la vittoria del Contest “Non è mica da questi particolari che si giudica un cantautore” edizione 2020, il “Premio Incanto” nel 2018, ma anche un’importante attività concertistica in diversi club italiani

Tra le pubblicazioni musicali di Tarsia il progetto “Back to 60’s”, in esclusiva su YouTube, grazie al quale ha conosciuto Fernando Alba, curatore musicale del progetto, con cui ha iniziato una collaborazione artistica per la realizzazione del suo primo album di inediti, in uscita nel 2021.

Clicca qui per il videoclip