Quantcast

I lucani meritano una sanità efficace ed efficiente

Il Circolo La Scaletta di Matera ha redatto un report da cui emerge un vero e proprio grido d'allarme sulla qualità delle cure erogate

Il Circolo culturale La Scaletta di Matera in una nota annuncia la pubblicazione di un Report sulla sanità lucana redatto con l’aiuto di esperti da cui emerge un vero e proprio grido d’allarme. 

Di seguito la nota de La Scaletta.

“Negli ultimi giorni sono apparsi numerosi articoli ed appelli, sia sulla stampa che sui social, con i quali si denunciano, con preoccupazione, azioni mirate alla riorganizzazione della assistenza sanitaria cui dovrebbe andare incontro l’Azienda Sanitaria Locale di Matera ed il suo presidio ospedaliero Madonna delle Grazie. Si tenta di portare all’attenzione dei cittadini come l’ospedale di Matera venga sottoposto ad un continuo ridimensionamento delle sue potenzialità operative, con lo smantellamento di unità operative complesse, e delle rispettive dirigenze apicali, al fine di accorpare il tutto nell’ospedale San Carlo di Potenza.

Questi processi così detti di “razionalizzazione” delle risorse investite in sanità hanno un solo fine non dichiarato, ma subliminale, che è quello volto a concentrare in un’unica Azienda il governo della Sanità Regionale. Anche la recente nomina di un Commissario per l’Asm è stata letta in funzione a tale disegno! Tutto ciò viene messo in atto in un contesto drammatico per la sanità e per la salute dei cittadini e certamente in netta contraddizione con quanto si auspica che debba diventare la sanità pubblica nell’immediato futuro, alla luce delle grandi criticità che la pandemia ha evidenziato. In realtà i cittadini vengono sommersi da dati, analisi, letti sempre in maniera diversa che generano solo confusione e sconcerto e che portano a letture sempre diverse.

Il problema non è Potenza o Matera: il problema riguarda tutti i cittadini lucani e una corretta impostazione della politica sanitaria regionale svincolata una volta per tutte da sterili campanilismi e da politiche miopi.

Il Circolo “La Scaletta”, nel solco del suo impegno civile che lo ha contraddistinto in questi anni, nei mesi scorsi ha deciso di redigere un Report, impostato su dati scientifici e legislativi con il supporto di qualificati tecnici del settore, sulla rete ospedaliera della Regione Basilicata che vuol essere un contributo per una lettura corretta dei dati sulla sanità regionale che portano, se letti in maniera fredda ed oggettiva, a visioni sorprendentemente diverse da quelle fino ad oggi “raccontate”. Sfugge probabilmente a molti che quello che spesso viene rappresentato come una rivendicazione localistica e campanilistica, è invece un grido di allarme per tutto il sistema sanitario regionale!

Il recente Report dell’Agenas sul Piano Nazionale Esiti, elaborato dal Ministero della Salute ed appena edito nel marzo 2020, documenta in maniera oggettiva ma implacabile come le performance sanitarie in regione collocano la Basilicata negli ultimi posti della graduatoria nazionale per quanto concerne tutta una serie di indicatori, che portano ad una “fuga” dei lucani verso presidi ospedalieri di altre regioni. Questa deficitaria qualità delle cure erogate in Regione caratterizza tutta l’assistenza sanitaria lucana, a prescindere dalla localizzazione geografica dei presidi ospedalieri.

Il Report sulla Sanità, predisposto dal Circolo La Scaletta che a breve verrà pubblicato, è solo un contributo per provare ad avere un approccio diverso nell’analisi dei dati ed a seguire le riflessioni che emergono dalla loro corretta lettura per provare ad impostare una diversa strategia politica sulla sanità Regionale che abbandoni i facili e miopi “tagli” che non portano ad alcuna vera efficienza del sistema sanitario regionale né a reali vantaggi.

Occorre provare a misurarsi con la sfida di costruire un Piano Sanitario volto alla reale riorganizzazione per provare a migliorare la qualità delle cure erogate ed a coniugare, se possibile, efficacia ed efficienza nella gestione e funzione della Sanità Pubblica della Regione Basilicata. I cittadini di Basilicata ne hanno diritto.